re
NanoPress

HIV, testato in Italia il primo vaccino per la cura del male nei bambini ammalati

Nuove scoperte sembrano aprire la strada a trattamenti più efficaci nel curare i soggetti che hanno già contratto la malattia

Roma – All’ospedale pediatrico Bambin Gesù una ricerca scientifica innovativa potrebbe dare un reale contributo alle cure contro le malattie neoplastiche a trasmissione sessuale:  un’equipe medica della struttura, guidata dal professor Paolo Rossi, ha sperimentato il primo vaccino terapeutico contro l’HIV nei bambini. Si tratta di un vaccino in grado di curare soggetti che presentano già la malattia nel proprio organismo: infatti, attualmente non è ancora stata trovata una profilassi medica capace di prevenire del tutto l’insorgenza della ben conosciuta “sindrome da immunodeficienza acquisita”. Il campione della ricerca era composto da due gruppi di 10 piccoli pazienti, dai 6 ai 16 anni di età, dei quali il primo ha mantenuto il trattamento anti-retrovirale, mentre al secondo è stato somministrato un siero HIV-DNA insieme al trattamento già presente.

L’esperimento, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica americana Plos One, consiste nel somministrare nei pazienti una particolare proteina del virus dell’AIDS. Ciò provoca la risposta dell’organismo attraverso le sue difese immunitarie, facendo sì che la cellula che ha assorbito quelle proteine cominci a sintetizzarle, rispondendo così positivamente all’attacco del virus.

hiv mano

 

Paolo Palma, immunoinfettivologo del Bambin Gesù, pensa che per consolidare l’efficacia della scoperta bisogna testare altri gruppo di giovani di età paragonabile a quello del test, per capire se venga mantenuta la reattività positiva al gene somministrato. E’ inoltre necessario il contributo di tutti, soprattutto degli altri ricercatori italiani che potrebbero, a titolo gratuito, dare un supporto tecnico allo sviluppo della seconda parte di questa analisi che, se confermata, potrebbe realmente rappresentare uno strumento molto valido nella lotta all’HIV sin dalla più giovane età.

Meteo Widget
Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter
Residenza Porta Guelfa