NanoPress

Cosa sapere sulla NEVE: vediamo alcune caratteristiche tipiche della dama bianca

  • Andiamo alla scoperta di alcune curiosità sulla neve, alcuni particolari che magari non tutti sanno sulla dama bianca.

    Cosa sapere sulla NEVE vediamo alcune caratteristiche tipiche della dama bianca

    Andiamo alla scoperta di alcune curiosità sulla neve, alcuni particolari che magari non tutti sanno sulla dama bianca. Fonte: incredibilia.it

    Cosa sapere sulla NEVE: vediamo alcune caratteristiche tipiche della dama bianca -21 aprile 2017 – La neve è tornata ad essere grande protagonista in questi ultimi giorni, con una intensa ondata di freddo e maltempo che ha portato i fiocchi a cadere nuovamente a quote medio basse nonostante la primavera sia ormai inoltrata. Vediamo allora insieme alcune curiosità sulla neve: andiamo alla scoperta di alcune caratteristiche della dama bianca che magari non tutti sanno. La prima domanda a cui daremo una risposta è: ma è vero la neve può cadere solo a 0°C? Spesso tra le persone ricorre la frase “fa troppo freddo per nevicare” ma questo è assolutamente un luogo comune da sfatare. In particolare, l’acqua durante la sua caduta dalle nubi incontra strati di aria con diverse temperature: quando i valori sono negativi, questa forma piccolissimi cristalli di ghiaccio, e quando le temperature comprese fra 0°C e -5°C i piccoli cristalli si aggregano tra loro formando i fiocchi di neve. A saldarli insieme è una sottile pellicola d’acqua sulla loro superficie che al momento del contatto gela: durante una nevicata quindi giungono al suolo i fiocchi di neve che sono formati dall’unione di più cristalli i quali rimangono uniti finché le temperature sono negative o al massimo di qualche grado oltre lo zero. La neve non cade solo a 0°C, ma quello che cambierà sarà il fiocco, la cui forma dipende dalle temperature e dal contenuto di umidità dell’aria. Possiamo dunque avere una nevicata molto “bagnata” anche con temperature di qualche grado superiori allo zero oppure con temperature molto basse i fiocchi assumono la forma di piccoli aghi che non riescono a legarsi perché l’acqua sulla superficie è già gelata. I fiocchi di neve più classici, cadono con temperature intorno allo zero e sono anche i più soffici, con una densità pari a 1/5-1/10 di quella dell’acqua. […]

  • Vi siete mai chiesti come mai la neve sia bianca? Proviamo a rispondere a questa semplice domanda, la cui sentenza non è così evidente come si potrebbe pensare. In generale, quando un oggetto è colpito dalla luce, questo assorbe alcuni colori mentre in contemporanea ne riflette degli altri: il colore che un osservatore vede è determinato da quelle lunghezze d’onda che vengono riflesse dall’oggetto in questione. In particolare per quanto riguarda la neve, pur essendo fatta di acqua, che è trasparente, il colore che vediamo è il bianco: perché? Prendiamo un singolo cristallo di neve, il quale è ancora trasparente: questo, quando viene attraversato da un raggio di luce, devia leggermente il fascio, ovvero lo rifrange. Il raggio, in seguito alla rifrazione del primo cristallo, incontrerà un secondo cristallo di neve che effettuerà la stessa operazione, rifrangendo ulteriormente la luce: il raggio continuerà a viaggiare di cristallo in cristallo, fino a riemergere tornando all’osservatore. […]

  • Con questo meccanismo di rifrazione, la neve non assorbe alcun colore dello spettro, facendo arrivare in questo modo tutti i colori agli occhi dell’osservatore: di conseguenza, la neve appare bianca essendo questo il risultato della somma di tutti i colori dello spettro del visibile. Ecco dunque perché la neve è bianca: lo stesso motivo è anche la causa per cui il manto appare spesso abbagliante, poiché tutta la luce che passa attraverso i cristalli viene restituita all’osservatore.

    a cura di Martina Rampoldi