NanoPress

El Niño: valori attorno alle medie, non è atteso un suo sviluppo durante il 2017

  • Non è previsto uno sviluppo di El Niño nel Pacifico entro la fine del 2017, con in paramentri che sono tutti attorno alle medie.

    Condizioni neutrali nel Pacifico, con tutti i parametri di El Niño sotto la soglia di allerta. Fonte: cpc.ncep.noaa.gov

    El Niño: valori attorno alle medie, non è atteso un suo sviluppo durante il 2017 – 13 settembre 2017 – Dopo delle stagioni caratterizzate prima da uno dei El Niño più forti di sempre e poi dalla sua controparte La Niña, seppur moloto più debole, in questo inizio di autunno meteorologico le condizioni nel Pacifico equatoriale sono tornate ad essere neutrali. Nel Pacifico infatti, queste due condizioni si danno il cambio ciclicamente, con le anomalie che oscillano attorno alla media: nel caso di un riscaldamento delle acque, si parla di El Niño, mentre al contrario il fenomeno viene chiamato La Niña. Come detto, in questo momento le condizioni sono neutrali nella porzione equatoriale dell’oceano, e tale situazione, stando alle ultime uscite dei modelli, dovrebbe continuare per tutta l’ultima parte del 2017. C’è infatti l’85% di possbilità che le condizioni continuino a rimanere neutrali per la fine dell’anno, con la probabilità che scende poi al 55% tra il prossimo gennaio e febbraio. Sembra dunque che El Niño possa risparmiarci nei prossimi mesi, con questo fenomeno che può influenzare il clima anche a livello globale. […]

  • A seconda dell’intensità di El Niño, il fenomeno può influenzare il clima anche a livello globale. Una delle zone che più risentirà di questi cambiamenti dovuti a El Niño sarà soprattutto quella del Pacifico, ma anche l’Europa potrà venire influenzata, indirettamente, dalla presenza di questo fenomeno. Negli anni in cui El Niño è fortemente sviluppato, solitamente ci sono inverni molto freddi nella zona orientale e in Russia, mentre saranno più miti nel resto del continente, con El Niño che condiziona fortemente la NAO (North Atlantic Oscillation), producendone un responso negativo. […]

  • a cura di Martina Rampoldi