NanoPress

METEO AGOSTO: aggiornamenti sull’ultimo mese dell’estate in Italia

  • Condizioni meteo per agosto 2017 ancora all’insegna del gran caldo? Vediamo gli aggiornamenti.

    Condizioni meteo per agosto 2017 ancora all'insegna del gran caldo? Vediamo gli aggiornamenti.

    Condizioni meteo per agosto 2017 ancora all’insegna del gran caldo? Vediamo gli aggiornamenti.

    METEO AGOSTO: aggiornamenti sull’ultimo mese dell’estate in Italia, 18 luglio 2017 – Si avvicina l’ultimo mese dell’estate 2017, agosto, mese probabilmente centrale della stagione estiva in Italia. Intanto una nuova ondata di caldo si appresta a raggiungere l’Italia nei prossimi giorni –> Guarda qui. Quale potrebbe essere la tendenza meteo per agosto 2017, ultimo mese dell’estate? Stando alle ultime uscite dei modelli stagionali le temperature nel mese di agosto 2017 potrebbero portarsi al di sopra delle medie stagionali anche per periodi abbastanza lunghi, favorite da condizioni meteo in cui dominerà l’anticiclone africano o più raramente quello azzorriano ed intervallati solo da temporanei cedimenti con ingresso di correnti più fresche in quota. Anomalie bariche negative potrebbero svilupparsi in corrispondenza delle regioni orientali e nord-orientali europee, come conseguente risposta agli anticicloni sui settori a ovest e, di fatto, anche sulla nostra Penisola. Il modello globale NMME propone uno scenario meteo per il mese di agosto 2017 basato più o meno sulla situazione precedentemente descritta. Il mese di agosto 2017 potrebbe dunque vedere ancora temperature sopra la media su gran parte d’Italia […]

  • Il percorso preferenziale degli impulsi freschi e instabili dovrebbe interessare soprattutto l’Europa orientale e, di tanto in tanto, anche l’Italia specialmente i settori adriatici e meridionali. Nel complesso comunque lo stato di siccità dovrebbe prolungarsi anche nel mese di agosto 2017 […]

  • Trattandosi pur sempre di una tendenza meteo vi invitiamo a seguire tutti i prossimi aggiornamenti per agosto 2017 in Italia, in quanto nuovi indizi potrebbero anche modificare in modo consistente tale tendenza.

    a cura di Francesco Cibelli