NanoPress

Sisma Centro Italia, il parroco torna a casa dopo 3 mesi e trova una gradita sorpresa

  • Costretto a lasciare la canonica dalle scosse di fine ottobre, aveva dimenticato una vaschetta con dentro due pesciolini rossi.

    Terremoto Centro Italia, le dichiarazioni del sismologo dell'Ingv

    Sisma Centro Italia, il parroco torna a casa dopo 3 mesi e trova una gradita sorpresa

    Sisma Centro Italia, il parroco torna a casa dopo 3 mesi e trova una gradita sorpresa – Quando don Roberto Rafaiani è riuscito a rientrare, dopo oltre tre mesi, nella casa parrocchiale annessa alla chiesa di Santa Maria Assunta di Pievebovigliana (Comune ora fuso con Fiordimonte in Valfornace), inagibile per il sisma, ha avuto una sorpresa unica. Costretto a lasciare la canonica dalle scosse di fine ottobre, aveva dimenticato una vaschetta con dentro due pesciolini rossi. Qualche giorno fa, approfittando di un intervento dei Vvf e dei Cc per il recupero di beni culturali, è andato a prendere alcuni effetti personali. “Pensavo che avrei trovato delle lische – racconta all’ANSA -, invece i pesci erano vivi e guizzanti nei pochi centimetri d’acqua rimasti nella vaschetta”. Se non un miracolo, “certo un segno di speranza, di ottimismo.

  • E’ la vita che va avanti, nonostante le avversità. Bisogna avere coraggio”. Portati in salvo in un barattolo, i due pesci hanno ora il posto d’onore nel container-chiesa: i bambini del catechismo li hanno chiamati Pievebovigliana e Fiordimonte. Se non un miracolo, “certo un segno di speranza, di ottimismo. E’ la vita che va avanti, nonostante le avversita’. Bisogna avere coraggio”. Portati in salvo in un barattolo, i due pesci hanno ora il posto d’onore nel container-chiesa: i bambini del catechismo li hanno chiamati Pievebovigliana e Fiordimonte. Don Rafaiani ha preso servizio “a giugno, giusto in tempo per il Terremoto”. Trovando la canonica un po’ spoglia, aveva comperato la vaschetta – “una di plastica, senza neppure il motorino per l’aria” – e i due pesci.[…]

  • I pesci gli piacciono: “ho delle carpe koi nel giardino della casa mia madre, sono resistentissime. Di pesci rossi, invece, ne ho avuto altri in passato e sono vissuti al massimo una decina di giorni. Cosi’ quando sono rientrato rientrare, pensavo di trovare dei miseri resti e di buttare via tutto. Invece…”.