Domenica 21 Luglio
Scarica la nostra app

Confortola, Urubko, Mingote e Mohr in partenza per il Gasherbrum II

Molti scalatori anche su K2 e Nanga Parbat. Nirmal Purja cercherà di scalarli tutti e 5

urubko mohr confortola mingote
Urubko in vetta al G2 nella spedizione invernale del 2011 con Moro e Richards - Foto Instagram Richards
  • Confortola, Urubko, Mingote e Mohr in partenza per il Gasherbrum II

    Terminata la stagione sugli 8000 nepalesi, con la chiusura della spedizione di Hong alla parete sud del Lhotse e l’arrivo dei monsoni, il mondo degli ottomila si sposta in Pakistan dove la stagione ottimale per salire dura fino a fine luglio. Ancora nessuna buona notizia dal Nanda Devi.

    Gasherbrum II

    Sarà l’ottomila dove vedremo la maggior concentrazione di scalatori professionisti che saliranno in stile alpino, ossia senza ossigeno e senza l’aiuto di Sherpa. Accorciato in G2 o GII, fu conquistato per la prima volta da una spedizione austriaca nel 1957. Urubko invece l’ha già conquistato in invernale (nel 2011) con Simone Moro e Cory Richards, che abbiamo visto giorni fa sull’Everest.

    Come preannunciato (www.centrometeoitaliano.it/alpinismo-e-montagna/confortola-in-partenza-per-il-pakistan-andra-con-urubko-sul-gasherbrum-ll-74676 ) è arrivata l’ufficialità dell’imminente partenza sul Gasherbrum II della spedizione composta da Denis Urubko e Marco Confortola, accompagnati da alcuni forti polacchi. 

    Il comunicato ufficiale di Marco Confortola

    Il Gasherbrum II (noto anche come K4) è la tredicesima montagna più alta della terra con i suoi 8.035 mt .
    Il Gasherbrum II è la terza vetta più alta del massiccio del Gasherbrum , situato nella catena montuosa del Karakorum , nell’ Himalaya .
    L’avvicinamento si svolgerà dal villaggio di Askole lungo il Ghiacciaio Baltoro con viste incredibili sulle torri di Trango , il Masherbrum e ovviamente il K2 .
    La via che ho scelto, al momento, sulla carta  è la “Banana Ridge“ nel versante Sud .
    In base alle condizioni della montagna verranno di conseguenza valutate differenti strategie.
    IN QUESTA NUOVA AVVENTURA FARÓ PARTE DI UNA SPEDIZIONE EXTRAEUROPEA, TRA I QUALI GLI AMICI DENIS URUBKO, JOSÉ MARIA PIPI CARDELL, IL CAPO SPEDIZIONE MAGREL BOGUSLAW E ALTRI FORTI ALPINISTI POLACCHI.

    Anche la forte cordata composta da Sergi Mingote e Juan Pablo Mohr tenterà la salita del G2 in stile alpino. Appena rientrati dalla spedizione sull’Everest e Lhotse, i due tenteranno anche la salita del Gasherbrum I magari facendo un concatenamento. Mohr ha parlato di una possibile salita anche al vicino Broad Peak.

  • K2

    Sulla seconda montagna più alta della terra (8611m) arriveranno le spedizioni commerciali con alpinisti che saliranno con aiuto di sherpa, corde fisse ed ossigeno. Seven Summit Treks avrà una squadra enorme con il modello Everest di basso costo e molti sherpa. Presente anche la Madison Mountaineering di Garett Madison.

    Adrian Ballinger (americano, 43 anni), guida e fondatore di AlpenGlow impegnato questa primavera sul versante nord dell’Everest, invece sarà lì da solo per un tentativo senza ossigeno, qualcosa che ha sognato da molto tempo. Ci sarà anche una spedizione giapponese-pakistana con a capo il nipponico Hiroshi Kawasaki e i forti pakistani Ali Musa, Ali Shah e Aziz Baig.

    Nanga Parbat

    É partito ieri Carlo Alberto Cimenti in direzione Islamabad. Da lì si unirà ai russi Vitaly Lazo e Anton Pugovkin (Death Zone Free Ride) per tentare la discesa con gli sci dal Nanga Parbat. Saliranno per la via Kinshofer. La discesa sarà sempre sul versante Diamir ma il canale scelto verrà deciso solo alla fine. Potrebbe essere anche lungo lo sperone Mummery.

    Sul colosso pakistano tenteranno la discesa con gli sci anche i due francesi Tiphaine Duperier e Boris Langenstein, che l’anno scorso hanno fatto la prima discesa del Laila Peak con gli sci anticipando di poco lo sciatore piemontese di Pra Gelato.

  • Nanda Devi – 8 alpinisti scomparsi

    Ancora nessuna traccia degli 8 alpinisti dispersi sul Nanda Devi in India. Gli elicotteri sono volati ma senza successo. Si è visto anche il distaccamento di una valanga. Le ricerche stanno proseguendo anche via terra da parte di una spedizione polacca.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca, salute e alpinismo. Musicista semi professionista, batterista e cantante dall'infanzia. Tifoso e appassionato della AS Roma ma anche di serie tv e cinema.

SEGUICI SU: