NanoPress

Insight su Marte: nuovo record stabilito

Pubblicato da Alessandro Allegrucci

Segnala
  • Insight su Marte: ha prodotto più energia elettrica di qualsiasi altro veicolo sulla superficie marziana”

    Insight su Marte: lo studio del Pianeta continua. Fonte: La Mescolanza

    Insight su Marte: dopo un lunghissimo viaggio prosegue lo studio del Pianeta Rosso

    Dopo anni di preparazione, un viaggio molto lungo e sette minuti di suspense per le difficoltà collegate all’atterraggio, la sonda Insight ha toccato il suolo di Marte il 26 novembre 2018, poco prima delle 21 ora italiana. Insight continua adesso a studiare il Pianeta e dovrà fornire dati sulla sua composizione interna, oltre ad inviare anche delle foto, come già sta facendo in questi giorni. Saranno mesi di lavoro ma anche di attesa e curiosità per tutti noi che aspettiamo di sapere i più dettagli possibili sul pianeta Marte.

    Marte e la sua polvere

    L’atterraggio della sonda Insight segue di circa sei anni quello di Curiosity, il rover spedito sempre dalla NASA e ultima strumentazione, prima di oggi, ad aver toccato la superficie di Marte. Sul Pianeta in questione è presente, come testimoniato anche dalle foto che sono arrivate, una quantità di polvere molto elevata, con cui Insight sarà costretta a convivere.

  • Nuovo record secondo quanto stabilito dalla NASA

    Il lander Insight secondo quanto riferito dalla NASA,  ha anche stabilito un nuovo record, notevole nelle sue caratteristiche. “Durante il primo giorno su Marte, il veicolo, alimentato a energia solare, ha prodotto più energia elettrica di qualsiasi altro veicolo sulla superficie marziana”.

    Le parole di Tom Hoffman

    Come spiegato da Tom Hoffman, project manager della missione , i risultati ottenuti fino ad ora sono meravigliosi e tutto sembra procedere per il meglio. “È fantastico aver stabilito il nostro primo “record fuori dal pianeta” generando più elettricità di tutte le precedenti missioni”. Fra qualche giorno, quando Insight si sarà liberato totalmente degli scudi di protezione anti-polvere, che hanno mantenuto al sicuro le ottiche delle due telecamere durante viaggio e atterraggio, potremo vedere anche delle immagini ad alta risoluzione.

  • Ecco quanto durerà la missione

    La missione di Insight secondo la NASA, avrà una durata di circa due anni e  dovrebbe quindi concludersi prime della fine dell’anno 2020. In questo arco temporale si studierà dettagliatamente la superficie interna del Pianeta Rosso e si cercherà di capirne, perché no,  anche il grado di abitabilità. Ma la cosa più importante è che si cercherà di comprendere come possano essere stati originati i corpi celesti caratterizzati da superfici rocciose, tra cui rientrerebbe anche la nostra Terra.

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Da sempre grande appassionato di meteorologia, approfondita anche attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia ed un breve master. Scrivo sul web da circa un anno ma ho avuto anche in passato qualche esperienza. Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter