Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 26 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, nuove importanti dichiarazioni del premier Conte: le parole del premier alla Camera e in Senato

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è alla resa dei conti: con l'ok definitivo dal Senato resterà alla guida del Paese scongiurando la crisi di Governo

Coronavirus, nuove importanti dichiarazioni del premier Conte: le parole del premier alla Camera e in Senato
Foto Ansa.it
1 di 3
  • Coronavirus, nuove importanti dichiarazioni del premier Conte: le parole del premier alla Camera e in Senato

    Ore cruciali per il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che, dopo aver ottenuto la maggioranza dalla Camera nella tarda serata di ieri, si è presentato in Senato per lo stesso motivo: l’obiettivo, fondamentale per il proseguimento del suo mandato da Presidente del Consiglio, è ottenere l’ok anche dai senatori per chiudere il capitolo “crisi di Governo” e tornare a capo del Paese. Il premier, in sostanza, anche in Senato ha ribadito la sua forte volontà nel contribuire a risollevare l’Italia dalla pandemia, insieme a forze politiche responsabili e determinate a superare il caos scatenato dal leader di Italia Viva Matteo Renzi, e ha appunto chiesto l’ultimo appoggio ai senatori. 100 GIORNI DI LOCKDOWN? IL POSSIBILE PIANO DEL GOVERNO

    La situazione in Senato

    Con 321 voti a favore l’esecutivo ha incassato la fiducia alla Camera ma ora tocca al Senato confermare l’appoggio a Giuseppe Conte. Come riportato da SkyTg24 servono 161 voti favorevoli all’esecutivo Pd-M5S, ma potrebbero bastarne anche meno. Se ne saprà di più entro la tarda serata di oggi. L’ALLARME SULLA VARIANTE INGLESE DA CORONAVIRUS: ECCO PERCHÉ VA FERMATA PRESTO

    Conte difende il Governo e il suo operato alla Camera

    L’uragano della pandemia – ha dichiarato Conte sia alla Camera che in Senato – ha sconvolto le nostre dinamiche di vita e stiamo affrontando una sfida di portata epocale, confrontandoci con paure addirittura ‘primordiali’, più spesso conosciute da generazioni del passato e che riguardano la possibilità di perdere la vita, la salute e i beni essenziali. Nonostante tutto questa maggioranza ha dimostrato grande responsabilità e risolutezza di azione anche nei passaggi più critici, coltivando un dialogo costante con tutti i livelli istituzionali”. “Il Governo – ha proseguito Conte – ha operato a testa alta nell’interesse dei princìpi costituzionali con il massimo scrupolo e la massima attenzione, pur consapevole delle conseguenze che le misure emanate avrebbero portato nella nostra comunità. Abbiamo impegnato tutte le nostre energie fisiche e intellettive per il bene del Paese. Mai come in questo periodo la politica è stata chiamata a fare scelte per il bene comune, alcune anche tragiche, ma senza trascurare alcuna categoria di lavoratori con ristori e interventi economici e ponendo le basi per il rilancio economico del Paese. E questo anche grazie al dialogo con le opposizioni”. 

    CONTINUA A LEGGERE

  • La frecciata di Conte a chi ha scatenato la crisi

    Questa crisi di Governo – ha aggiunto – avviene in una fase cruciale del nostro Paese. Tante famiglie stanno soffrendo per la perdita dei propri cari. Avverto un certo disagio dunque e sono qui non per annunciare nuove misure di sostegno, ma per provare a spiegare una crisi che secondo me non ha alcun plausibile fondamento. Le nostre energie dovrebbero essere concentrate tutte sull’affrontare la pandemia, invece così appaiono dissipate in contrappunti polemici, sterili e incomprensibili per chi si confronta ogni giorno con tutti i disagi causati dal coronavirus. Rischiamo di perdere contatto con la realtà e non c’era alcun motivo per aprire questa crisi. L’Italia merita un Governo coeso, volenteroso e consapevole che non pensi agli interessi personali, che lavori nella ragione nobile della politica per il benessere dei cittadini e favorisca la ripartenza dell’economia, della vita sociale e della modernizzazione degli aspetti energetico e digitale. La bozza del Recovery Plan è stata migliorata e il piano di vaccinazione procede spedito, occorre continuare così e fare ancora meglio favorendo meccanismi più innovativi per sostenere soprattutto i settori più colpiti come il turismo, la cultura, l’automotive e tanti altri”.

  • L’appello al Parlamento

    Chiedo al Parlamento un appoggio limpido – ha conclus oil premier – e che si basi sulla forza e la nitidezza della proposta governativa. A chi ha a cuore il destino dell’Italia chiedo aiuto per mantenere il patto di fiducia stretto con i cittadini. La fiducia della popolazione nel Governo deve essere reciproca. Stiamo chiedendo agli italiani tanti sacrifici, necessari a superare la pandemia, ed abbiamo ricevuto una risposta di grande responsabilità nazionale. Si sta dimostrando di riporre grande fiducia anche nelle istituzioni e con il voto di oggi in Parlamento confido di poter ripagare questa fiducia, mettendoci alle spalle il grave gesto di non responsabilità che ha fatto piombare il Governo nell’incertezza. Continueremo ad impegnare tutte le nostre energie per assolvere al nostro compito, aggiungendo il cuore perché senza di esso la politica è una disciplina senza anima”.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: