Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 18 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Decreto Ristori-Ter, allo studio nuove risorse per altre categorie e rinvii fiscali

Decreto Ristori-Ter, potrebbe essere approvato subito dopo il decreto Ristori-bis e darà risorse a nuove categorie di imprese

Decreto Ristori-Ter, allo studio nuove risorse per altre categorie e rinvii fiscali
Decreto Ristori Ter, ecco le ultime novità
1 di 3
  • Decreto Ristori-Ter, ecco il nuovo provvedimento allo studio del governo che potrebbe aiutare nuove categorie di imprese

    Non è stato ancora approvato il decreto Ristori Bis ma già si parla di un Decreto Ristori-ter che dovrebbe aggiungere nuove agevolazioni e ulteriori rinvii fiscali per le categorie colpite dalla chiusure o dai provvedimenti restrittivi. Tutto dipenderà ovviamente dal voto sullo scostamento di bilancio che è previsto per il 25 novembre. La nuova finanziaria verrà presumibilmente approvata nella seconda metà di dicembre ed è allora che il decreto Ristori-ter potrebbe vedere la luce.

    Allo studio l’inserimento di nuove categorie di imprese svantaggiate

    Infatti i deputati del M5s della commissione Finanze stanno facendo pressioni sul governo per censire tutte quelle imprese e quelle categorie di lavoratori che sono rimasti senza aiuti con i precedenti provvedimenti a sostegno del reddito. I deputati pentastellati auspicano un nuovo intervento a fondo perduto prima dell’approvazione della finanziaria che preveda l’eliminazione o il rinvio di alcuni adempimenti fiscali previsti per fine anno. Molti settori sono rimasti a bocca asciutta con il decreto ristori approvato ad ottobre e rischieranno di non ottenere nulla anche col decreto ristori-bis in via di approvazione.

    La grave situazione dei produttori agricoli

    I produttori agricoli, ad esempio, si sono dichiarati insoddisfatti a causa dell’abrogazione del fondo da 100 milioni per le imprese danneggiate dai provvedimenti restrittivi, che è stata effettuata col decreto-bis e promettono di scendere sul piede di guerra. Un`iniezione di liquidità che è venuta meno per i produttori agricoli e che potrebbe gettare sul lastrico tanti operatori del settore rimasti praticamente senza “ossigeno” dal punto di vista economico. Nel decreto Ristori-ter, presumibilmente, verranno introdotte nuove misure a favore dell’agricoltura in modo tale da dare nuova linfa a tutta la filiera.

  • Il dramma dei venditori all’ingrosso

    Potrebbero essere introdotti nuovi provvedimenti anche a beneficio del commercio all’ingrosso che è stato praticamente escluso dai provvedimenti precedenti. Molti operatori del settore hanno lanciato da tempo l’allarme affinchè il governo si faccia carico di nuove misure che prevedano il ristoro anche per chi lavora all’ingrosso. Anche gli agenti di commercio, finora totalmente esclusi da ogni forma di sostegno del reddito, potrebbero ottenere maggiori attenzioni dal governo proprio col decreto ristori-ter.

  • Le altre categorie che potrebbero essere aggiunte

    Fra le categorie finora discriminate da parte del governo vi sono anche i negozi di calzature per adulti, fortemente colpiti dall’emergenza sanitaria e dai conseguenti provvedimenti restrittivi. Anche il comparto Eventi e Wedding, messo in ginocchio dal lockdown prima e poi dalle restrizioni poi, non è stato attenzionato a dovere dall’esecutivo, che non ha previsto alcun contributo a sostegno. Il nuovo decreto Ristori-ter insomma attuerà nuovi criteri per distribuire risorse a settori in crisi cominciare dalla logica dei codici Ateco che di fatto hanno escluso intere categorie molto danneggiate e passate “inosservate”. Si parla anche di nuovi rinvii delle scadenze fiscali, anche se al momento si tratta solo di indiscrezioni o poco più.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Chitarrista per hobby, coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per alcuni siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia grande passione innata per il giornalismo. Amo scrivere di politica, economia (adoro i testi di Stigliz e i saggi di Rampini), salute, attualità e sport. Spero di poterne fare un mestiere in grado di darmi stabilità e certezze. L'idea che ho della vita la condenso in una metafora tratta dal volley: se la vita ti pone davanti ad un muro, affrontalo con le mani alzate...

SEGUICI SU: