Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 27 Maggio
Scarica la nostra app
Segnala

Draghi convoca d’urgenza il Consiglio dei Ministri: ecco cosa è successo nel pomeriggio

Draghi ha convocato d'urgenza i partiti che sostengono la maggioranza per un chiarimento sui programmi futuri del governo

Draghi convoca d’urgenza il Consiglio dei Ministri: ecco cosa è successo nel pomeriggio
Draghi convoca d'urgenza il CDM (Foto Ansa)

Il premier ha richiamato all’ordine le forze della maggioranza: ecco il motivo

Dopo i ripetuti scontri e i malintesi tra le forze politiche che sostengono il governo, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha deciso di convocare d’urgenza il Consiglio dei Ministri nel pomeriggio di oggi al fine di serrare le file della maggioranza e richiamare all’ordine partiti. Uno dei nodi da sciogliere riguarda il DDL Concorrenza per il quale il governo, probabilmente, porrà ancora una volta la questione di fiducia se non ci sarà accordo tra le forze politiche.

Restano ancora molti nodi da sciogliere

I ripetuti mal di pancia tra le forze politiche stanno rallentando la tabella di marcia del PNRR che richiede tutta una serie di riforme importanti affinché vada in porto in maniera concreta. Se da un lato alcuni nodi sono già stati i sciolti, rimangono ancora dei provvedimenti che sono rimasti in una pericolosa situazione di stallo. E infatti il caso del ddl Concorrenza che include anche alcune questioni balneari sulle quali manca ancora l’accordo tra diverse forze politiche.

Cosa ha comunicato il premier alle forze politiche

Nel corso del Consiglio dei Ministri convocato di urgenza da Draghi (durato soltanto pochi minuti) il premier ha chiarito alle forze politiche che questo provvedimento deve essere approvato entro maggio anche al costo di ricorrere ancora una volta alla fiducia. Fra i partiti meno convinti dell’attuale impostazione sul tema delle concessioni balneari, spiccano soprattutto Lega e Forza Italia che in una nota congiunta hanno richiesto ulteriori approfondimenti per arrivare ad un testo condivisibile “in grado di tutelare la consistenza delle imprese e garantire un tempo adeguato per adattarsi alla nuova normativa”. CONTINUA A LEGGERE…

La reazione del PD

Dura la reazione del ministro Orlando (PD) che ha messo in guardia il governo da coloro che vogliono mettere a rischio il PNRR per “motivi di propaganda elettorale”. Orlando ha ribadito la disponibilità del PD a sostenere le soluzioni che l’esecutivo riterrà più opportune dando anche il proprio benestare per la questione di fiducia sul ddl Concorrenza.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per importanti siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia passione innata per il giornalismo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia