Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

Esplosione in un laboratorio di Brena, in Perù: bilancio parla di 2 morti e 4 feriti, i dettagli

Perù, esplosione in un laboratorio di refrigerazione seguita da un incendio: ci sono 2 morti e 4 feriti, ecco tutti i dettagli

Immagine di repertorio: esplosione in uno stabilimento chimico chiuso in Cina. Fonte foto: ansa.it
1 di 3
  • Previsioni meteo Brena, Perù 19 luglio 2020

    Un possente Anticiclone di matrice oceanica si estende per buona parte della fascia tropicale, nonostante sia attiva sul Sudamerica una perturbazione in arrivo direttamente dall’Antartide con piogge e nevicate anche a bassa quota. Ciò non porta effetti in Perù e né tantomeno nel Distretto di Breña, dove le condizioni meteo appaiono stabili, seppur disturbate di tanto in tanto dal transito di qualche annuvolamento transitorio. Tutto ciò si inserisce all’interno di un contesto climatico comunque relativamente fresco, con le temperature che oscillano tra i +14°C di minima e i +19°C di massima e ventilazione tesa dai quadranti meridionali.

    Esplosione in un laboratorio di refrigerazione

    Giornata nera per il Perù quella di oggi, dove stando a quanto riporta il sito “rpp.pe“, si sarebbe verificata l’esplosione in un edificio utilizzato come laboratorio di refrigerazione. Non basta dunque l’emergenza relativa al nuovo coronavirus ad impegnare le squadre di soccorso (ieri ad esempio in Perù sono stati quasi 4.000 i nuovi casi), ma anche quest’emergenza. L’esplosione avrebbe infatti coinvolto le abitazioni adiacenti al laboratorio in questione e sarebbe successivamente scoppiato e propagato un incendio. Tempestivi sono stati i pompieri che sono giunti sul posto dopo poco tempo.

    Il bilancio parla di 2 morti e 4 feriti

    L’esplosione, stando a quanto riporta il sito citato nel precedente paragrafo, avrebbe coinvolto un laboratorio di refrigerazione sito nel nel 14esimo blocco di Arica Avenue, nel quartiere Brena della Capitale peruviana Lima e purtroppo non avrebbe mancato di provocare anche dei morti: più precisamente sarebbero 2 i morti e 4 i feriti, che sono stati successivamente trasportati negli Ospedali di Loayza e Almenara. A generare l’esplosione e il successivo incendio sarebbero state delle bombole di acetilene.

  • Impegnate 7 squadre di Vigili del Fuoco

    La situazione d’emergenza ha visto la necessità di impegnare ben 7 squadre dei Vigili del Fuoco per le operazioni di spegnimento dell’incendio e per effettuare i sopralluoghi sulle abitazioni adiacenti: come scritto in precedenza, l’esplosione avrebbe coinvolto anche le case circostanti al laboratorio, alcune delle quali sono state danneggiate irrimediabilmente.

  • Mario Cassaretto a capo dell’emergenza

    Al fine di fronteggiare al meglio questa situazione di emergenza, con i Vigili del Fuoco che stanno comunque riuscendo gradualmente a domare il fuoco, la Polizia Nazionale ha messo a capo dell’emergenza Mario Cassaretto, nonché il Capo dei Vigili del Fuoco della Capitale Lima, che ha affermato di attendere che il pubblico ministero rimuova i corpi delle persone purtroppo decedute a seguito del tragico evento.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: