Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 7 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

Frane e colate di fango nel teramano: strade chiuse e crolli. Super lavoro dei Vigili del Fuoco

Frane, smottamenti e colate di fango, situazione difficile nel teramano, ecco cosa sta succedendo nelle ultime ore

Fango e frane, situazione difficile nel teramano
1 di 3
  • Previsioni meteo Teramo

    Cielo per lo più nuvoloso nelle prossime ore sulla città di Teramo ma con tendenza a schiarite anche ampie dal tardo pomeriggio/sera. Pausa soleggiata nella giornata di domani con cielo sereno o poco nuvoloso e ventilazione debole di direzione sud-orientale. Le temperature saranno in aumento e risulteranno comprese tra i 4 e i 14 gradi. Visibilità ottima.

    Frane e colate di fango in Abruzzo

    Purtroppo nelle ultime 72 ore il maltempo ha picchiato duro nel centro Italia lato Adriatico, in particolare tra le Marche e l’Abruzzo. Il teramano è sicuramente una delle zone maggiormente colpite nelle ultime ore e a creare i danni maggiori non è stata la neve, ma la pioggia caduta incessante dopo la neve. Numerose sono state le frane, allagamenti, alberi caduti, strade dissestate e colate di fango. Come riportato da emmelle.it, i comuni maggiormente colpiti sono Teramo, Bellante, Mosciano Sant’Angelo, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto Silvi e Atri. A causa di colate di fango e frane è stata isolata la frazione di Caracollo, con alcuni disagi anche in alcune abitazioni. Molte le strade interessate da allagamenti, crolli o colate di fango nel corso delle ultime ore, queste quelle chiuse temporaneamente: sp19 a Teramo località Osservatorio Collurania: sfondamento sede stradale; sp19 a Castellalto, frana di monte; sp24/c a Castellalto, strada chiusa per frana; sp25/a alla zona industriale di Castellalto, allagamento; sp27 a Casoli e San Rocco di Atri, frane e smottamenti.

    Disagi in diversi comuni

    Il maltempo ha causato frane e smottamenti, particolarmente colpito è il comune di Torricella Sicura, con danni alle strade provinciali , comunali ma anche a privati cittadini. Le strade si sono trasformate in fiumi in piena di acqua e fango e le frane hanno creato ulteriori danni. A Piano Grande un muro di contenimento in cemento armato di grandi dimensioni è crollato, bloccando completamente una strada. Messe in sicurezza alcune abitazioni parzialmente minacciate dal cedimento del terreno e ora si confida nella pausa soleggiata prevista per le prossime ore.

  • La situazione sta migliorando nelle ultime ore

    Nelle ultime ore la situazione è decisamente migliorate e la pioggia ha smesso di cadere. Danni e disagi, però, rimangono e i residenti delle zone colpite aiutano come meglio riescono nello spalare fango, alcune zone sono ancora completamente invase da acqua e fango. Disagi non soltanto nell’entroterra ma anche verso la costa, soprattutto nei pressi di Tortoreto. La pioggia che ha gonfiato il Salinello ha costretto l’amministrazione a chiudere temporaneamente la provinciale 10 che dalla bonifica sale verso Mosciano. Il fiume è esondato in alcuni punti, invadendo la strada e intrappolando anche una persona in una vettura, che fortunatamente grazie all’aiuto dei Vigili del Fuoco è riuscita a mettersi in salvo.

  • Enormi frane in Indonesia

    Situazione che resta difficile anche in altre zone del mondo e soprattutto in Indonesia. Anche qui alla base delle frane e degli smottamenti ci sono stati giorni e giorni di pioggia torrenziale. Lo straripamento del fiume Cijoglo avvenuta nelle scorse ore, come si legge su Ayobandung.com, ha provocato grosse inondazioni nel villaggio di Karangpawitan, nella città di Garut, in Indonesia. Purtroppo almeno tre edifici sono andati completamente distrutti a causa della valanga di fango che li ha centrati in pieno. L’acqua del fiume, unita a fango e detriti è stata talmente violenta da riuscire a danneggiare diversi edifici, in particolare le zone esterne.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: