Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 26 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

L’auto si è schiantata contro il bus poco fa nel nord Italia: ci sono morti e feriti gravi – DIRETTA di quanto avvenuto nel Veneziano

Nelle scorse ore si è consumato un terribile incidente nel Veneziano: un'automobile si è schiantata su un autobus. Il bilancio è di 2 morti e 5 feriti

L'auto si è schiantata poco fa contro l'autobus nel nord Italia: ci sono morti e feriti gravi - DIRETTA di quanto avvenuto nel Veneziano
1 di 4
  • Previsioni meteo Venezia – 16 giugno 2019

    Nella giornata di oggi, domenica 16 giugno 2019, bel tempo a Venezia in mattinata, con tendenza a maggiori addensamenti nuvolosi, ma rischio nullo di piogge. Le temperature della giornata, stazionarie, risultano comprese tra 17.5 e 26.4 gradi centigradi. I venti soffiano da sud e risultano compresi tra 5 e 16 km/h. Per quanto riguarda le previsioni meteo delle prossime ore, se al mattino il cielo sarà sereno, durante le ore pomeridiane prevalenza di poche nubi, mentre nel corso della sera vi sarà copertura nuvolosa parziale.

    Incidente nel Veneziano: 2 morti e 5 feriti

    Un terribile incidente stradale a Tessera, nella terraferma veneziana – secondo quanto riportato da “Tg24.sky.it” – ha visto la morte di due persone ed il ferimento di altre 5, tra cui tre bambini. Lo scontro si è consumato in località Montiron ed ha visto una macchina schiantarsi contro un autobus. Le vittime si trovavano entrambe a bordo dell’automobile, insieme ai tre bambini e all’altro adulto che è rimasto ferito in seguito all’incidente.

    Uno dei bambini sarebbe in gravi condizioni

    Stando a quanto riportato da “Tg24.sky.it”, uno dei bambini rimasti feriti in seguito all’impatto tra l’automobile e l’autobus, si troverebbe in gravi condizioni. Anche l’autista dell’autobus è rimasto ferito e a causa della violenza dell’impatto sarebbe rimasto incastrato nel mezzo. Illesi, invece, i passeggeri che stavano viaggiando sul bus.

  • La ricostruzione dell’incidente

    In base alla prima ricostruzione dell’incidente fatta dai Vigili del Fuoco – come si legge su “Tg24.sky.it” – la macchina, una Volkswagen Touran, sarebbe passata sull’altra corsia e lì avrebbe provocato lo scontro frontale con l’autobus che stava giungendo dal senso opposto di marcia. Sull’automobile si trovavano 6 persone: 3 adulti e 3 bambini, 2 degli adulti sono morti, mentre tutti gli altri sono rimasti feriti.

  • Ferito anche l’autista del mezzo

    Come sottolineato in precedenza, anche l’autista del bus è rimasto ferito. Secondo quanto riportato da “Tg24.sky.it”, si tratta di un uomo di 45 anni, con 20 anni di servizio alle spalle, residente nel Portogruarese, rimasto incastrato con le gambe all’interno del mezzo. Per liberarlo, dunque, si è reso necessario il tempestivo intervento da parte dei Vigili del Fuoco che lo hanno tirato fuori dal bus, portandolo immediatamente in ospedale per accertamenti. Non risulterebbero fratture.

  • Il bus coinvolto nell’incidente era un mezzo nuovo

    Il bus che è stato coinvolto nell’incidente frontale con l’auto nel Veneziano – secondo quanto riportato da “Tg24.sky.it” – risulta essere un mezzo nuovo, inaugurato un mese e mezzo fa. Stava realizzando il servizio sulla linea Venezia-Latisana ed aveva da poco effettuato la fermata all’aeroporto. A quel punto, poi, si stava dirigendo verso San Donà di Piave, dove avrebbe effettuato una nuova sosta, ma non è arrivato alla fermata in quanto è stato centrato in pieno dall’auto che proveniva dal senso opposto di marcia.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: