Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 26 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

L’Italia è il 15° paese europeo per salari medi: 11,8% dei lavoratori in povertà, nuove misure al vaglio

Secondo una classifica Eurostat l'Italia è la 15^ nazione europea per salari medi e l'11,1% dei cittadini vive in povertà: le idee del Governo

L’Italia è il 15° paese europeo per salari medi: 11,8% dei lavoratori in povertà, nuove misure al vaglio
Una senzatetto dorme sulla panchina sotto una pensilina degli autobus a Napoli, 13 novembre 2013. ANSA / CIRO FUSCO

L’11,1% della popolazione italiana vive in condizioni di povertà. E il Paese è al 15° posto in Europa per salari medi: le misure al vaglio del Governo

L’Italia è il 15esimo Paese europeo per consistenza di salari medi. E questo non c’entra nulla con il coronavirus. Lo Stivale, meta turistica ambita da ogni cittadino del resto del mondo, sembrerebbe però non essere il miglior posto in cui vivere stando a quanto percepiscono (in media) i lavoratori. Secondo una classifica redatta da Eurostat, infatti, l’Italia è il peggior stato europeo tra i più “importanti” (davanti solo a Spagna e Portogallo, ben più lontani nel ranking) riguardo l’ammontare degli stipendi medi. E non è tutto perché l’11,1% della popolazione vive in condizioni di povertà, costretto a sopravvivere tra sussidi di disoccupazione, redditi di cittadinanza e compagnia bella. Per questo il Governo italiano starebbe valutando diverse misure per sostenere i più bisognosi, tra cui alcune molto interessanti e richieste da tempo.

Le misure per sostenere i più poveri

La prima misura al vaglio del Ministero del Lavoro sarebbe l’introduzione del salario minimo, ovvero una cifra sotto la quale lo stipendio mensile non può andare; in questo modo si eviterebbero paghe ai limiti del ridicolo (2 o 3 euro l’ora) a fronte di un molto più alto numero di ore lavorate. Per garantire minimi salariali adeguati, secondo gli esperti, occorrerebbe estendere i contratti collettivi principali a tutti i lavoratori oppure, appunto, introdurre un salario minimo per legge. Tra le proposte, fa presente TgCom24, spicca anche un sostegno per chi lavora ma ha un reddito troppo basso, una sorta di “in-work benefit” basato su ore lavorate a settimana, ore lavorate all’anno, tipologia di contratto e numero di persone nel nucleo familiare.

Gli obiettivi del Governo

Più benessere per i lavoratori italiani e meno povertà: sarebbe questo l’obiettivo del Governo, sostenere i cittadini più in difficoltà (che magari il lavoro l’hanno perso proprio durante la pandemia e, date le circostanze tutt’altro che favorevoli, non sono più riusciti a trovarlo). Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare ovviamente (si parla di salario minimo da anni senza mai giungere a un risultato concreto…) ma l’intenzione del Ministero del Lavoro ci sarebbe.

CONTINUA A LEGGERE

Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale YouTube, al quale vi invitiamo ad iscrivervi.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca e salute.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia