Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 6 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Maltempo a Venezia, trovati cadaveri madre e figlio avvelenati dal monossido di carbonio

Trovati privi di vita il corpo del figlio e dell'anziana madre presso la propria abitazione a Sestiere Castello a Venezia

Due morti a Venezia
Un fulmine ferisce due giovani calciatori a Battipaglia
1 di 3
  • I cadaveri una anziana madre e del proprio figlio sono stati ritrovati nella propria abitazione, probabilmente avvelenati dal monossido di carbonio

    Una nuova tragedia si somma alla tragedia dell’acqua alta che ha messo in ginocchio la città di Venezia. Secondo quanto riporta l’Ansa, sarebbero stati rinvenuti i corpi di una donna anziana di 70 e del figlio di 40 anni che sarebbero deceduti a causa dell’inalazione di monossido di carbonio.

    Il dramma si è consumato a Sestiere Castello

    I due corpi sono stati ritrovati privi di vita all’interno della casa a Venezia nella quale vivevano. La notizia arriva da Sestiere Castello, a Venezia, dove il dramma dell’acqua alta ha già causato notevoli danni per centinaia di migliaia di euro. E’ stato trovato privo di vita anche il gatto che viveva in casa.

    Il figlio era rimasto a casa per fare compagnia alla madre

    Probabilmente mamma e figlio si trovavano nella stessa abitazione perchè quest’ultimo avrebbe deciso di fare compagnia alla madre in questi giorni caratterizzati dal forte maltempo e dalla minaccia costante dell’acqua. Una notizia drammatica che si aggiunge alla situazione disperata in cui versa la città lagunare che in queste ore deve fare i conti con la minaccia di una nuova ondata di piena.

  • I nomi delle due vittime

    I nomi delle due vittime sono Nadia Funes, 72 anni, invalida, assistita da una badante e del figlio Fabio Canciani, 43 anni, portiere in un albergo di Venezia. Secondo gli inquirenti, il dramma si sarebbe consumato nel pomeriggio dello scorso venerdì poco prima del tramonto. L’intossicazione da monossido di carbonio sarebbe stata causata da un difetto dello scaldabagno.

  • Il sospetto dei colleghi e la tragica scoperta

    L’allarme è scattato quando Canciani non si è presentato al lavoro. Trattandosi di una persona irreprensibile e premurosa, l’assenza senza preavviso ha sollevato i sospetti di colleghi e proprietari dell’albergo presso il quale lavorava. Informate le forze dell’ordine, si sono recate presso l’abitazione facendo la tragica scoperta.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: