Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

Maxi evacuazione a Palermo per disinnescare bomba inespolsa. Circa 6000 persone verranno allontanate dalle proprie abitazioni

Maxi evacuazione nella città del sud Italia: oltre 6000 cittadini si preparano a lasciare le proprie abitazioni, verrà fatto brillare un ordigno bellico

Bomba, immagine repertorio fonte Ansa.it
1 di 3
  • Previsioni meteo Palermo

    Nelle prossime ore sulla città siciliana il tempo risulterà nel complesso stabile con cieli sereni o poco nuvolosi e con temperature in aumento da domani fino a domenica e con massime localmente superiori ai 31-32 gradi. Ventilazione che sarà debole o moderata dai quadranti nord-occidentali e visibilità generalmente ottima. Umidità attorno al 45 %.

    Disinnesco di una bomba a Palermo

    Preparativi in Sicilia, a Palermo per il disinnesco di una bomba. Dopo il ritrovamento di una bomba inesplosa nel porto di Palermo, risalente alla Seconda Guerra Mondiale è quasi tutto pronto per avviare le procedure di disinnesco dell’ordigno.  Ci sarà ancora tutto il tempo necessario per ottimizzare le procedure di sicurezza necessarie. A causa delle operazioni di disinnesco, è prevista una maxi evacuazione in zona e circa 6000 persone saranno costrette a lasciare le proprie abitazioni, vale a dire tutti i residenti prossimi alla collocazione attuale della bomba, vediamo nel dettaglio. Dopo vari ripensamenti e indecisioni è stata confermata la data dell’operazione e questa avverrà il 13 settembre quando a partire dalle 6 del mattino inizieranno le procedura di evacuazione per quelle persone che abitano o lavorano all’interno dell’area rossa individuata.

    Evacuazione di circa 6000 persone

    Come riportato da palermotoday.it, saranno evacuate 57 strade della città. Si tratta di 2.512 famiglie residenti nell’area per un totale di 5.995 persone. Ovviamente saranno messi a disposizione degli autobus e anche di 20 mezzi di protezione civile. Inoltre, dal comune vengono ricordate alcune norme comportamentali, come quelle di chiudere o disattivare i contatori del gas e dell’acqua, portare con sé i documenti, i medicinali di bisogno e quanto di strettamente necessario e rispettare l’ordine di evacuazione al fine di garantire la perfetta riuscita delle operazioni. Le famiglie che verranno allontanate dalle proprie abitazioni potranno far ritorno nella giornata stessa, ossia domenica 13 settembre 2020. FORTE ESPLOSIONE IN UN RISTORANE DI ABU DHABI: CI SONO MORTI E FERITI. VIDEO

  • Ordigno bellico a Campo Ligure

    Questa operazione non è l’unica avvenuta in Italia nel corso delle ultime settimane, diverse sono state eseguite da nord a sud. Come riportato da genovatoday.it, un ordigno settimane fa è stato fatto brillare a Campo Ligure. Esattamente il 12 luglio l’ordigno trovato sotto il ponte della ferrovia è stato rimosso e smontato. Questa operazione ha richiesto  lo stop al traffico e l’evacuazione di circa 1500 residenti a scopo precauzionale. L’area coinvolta è stata suddivisa in zona rossa, quella con un raggio dall’ordigno di 660 metri, e in zona gialla, quella con un raggio dall’ordigno di 1.820 metri.

  • Seguiteci sulla nostra pagina

    Come detto in precedenza, non è l’unica operazione simile che si attuerà in Italia nel corso dei prossimi giorni ma giorni fa ne è stata effettuata un’altra a Ravenna e ancora prima nel brindisino, in Puglia.  Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: