NanoPress

Naspi 2018: ecco i chiarimenti Inps sui casi di dimissione e sui massimali

  • Ecco nel dettaglio cosa riporta la nuova circolare Inps sulla compatibilità della Naspi con i casi di dimissione per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore.

    Le ultime novità sulla Naspi 2018

    Naspi 2018: arrivano i chiarimenti Inps sui casi di dimissione e sui massimali

    L‘INPS torna a fare chiarezza sulla Naspi 2018, la prestazione a sostegno del reddito disciplinata dal d.lgs. 22/2015, che ha preso il posto della precedente indennità di disoccupazione (ASpI e MiniASpI). Con la nota n. 369 del 26 gennaio 2018, l’istituto ha fatto chiarezza sulla possibilità di accedere alla prestazione in caso di risoluzione consensuale del contratto di lavoro conseguente al rifiuto da parte del lavoratore al proprio trasferimento in un’altra sede della stessa azienda distante più di 50 chilometri dalla residenza dello stesso e nel caso di dimissioni per giusta causa a seguito del trasferimento del lavoratore.

    L’Inps ha chiarito che la Naspi 2018 deve essere riconosciuta ai lavoratori dipendenti che involontariamente hanno perso il lavoro e che presentino congiuntamente gli altri requisiti legislativamente previsti. Per quanto riguarda, nello specifico, il requisito dell’involontarietà dello stato di disoccupazione, l’indennità verrà corrisposta anche nelle ipotesi di dimissioni per giusta causa e di risoluzione contrattuale consensuale intervenuta nell’ambito della procedura di conciliazione disciplinata dall’art 7, Legge n.604/1966 come modificato della legge n. 92 del 2012.
    E’ consentito l’accesso alla Naspi 2018 anche nel caso in cui la cessazione del rapporto di lavoro non è conseguente a un atto unilaterale del datore di lavoro. Per quanto riguarda le dimissioni per giusta causa si deve parlare nello specifico di improseguibilità del rapporto di lavoro. Essendo le dimissioni causate dal comportamento di un altro soggetto anche in questo caso si potrà parlare di perdita involontaria del rapporto di lavoro. E questo vale anche nel caso di rifiuto del lavoratore al trasferimento ad altra sede distante più di 50 km e che richieda più di 80 minuti per il raggiungimento con mezzi di trasporto. Nella pagina seguente potrete leggere le specifiche Inps sui massimali della Naspi 2018. […]

  • Nella circolare Inps n. 19 del 31 gennaio 2018, l’ente previdenziale ha indicato gli importi massimi della misura, a far data dal 1° gennaio del 2018, che rimarranno sostanzialmente invariati rispetto ai massimali del 2017. La retribuzione che andrà presa a riferimento per il calcolo delle indennità di disoccupazione NASpI è pari, come indicato nella circolare n. 94 del 12/05/2015, ad euro 1.208,15 per l’anno in corso. In ogni caso, l’importo massimo dell’indennità mensile, per la quale non opera la riduzione di cui all’articolo 26 della legge n. 41 del 1986 non potrà superare l’importo di euro 1.314,30. [….]

  • Tendenza meteo weekend 16-18 febbraio 2018

    Cerca qui le previsioni meteo della tua città

    A cura di Marco Antonio Tringali

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter