Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 18 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Paura nel quartiere Scampia, Napoli: una forte esplosione devasta un appartamento in piazza Libertà

È stata tanta la paura, alle 11 circa di oggi 20 novembre, a Scampia, un quartiere non estraneo alle cronache della periferia settentrionale di Napoli

Paura nel quartiere Scampia, Napoli: una forte esplosione devasta un appartamento in piazza Libertà
Esplosione nel perugino, immagine repertorio, foto Ansa
1 di 3
  • Scampia: esplosione nel quartiere di Napoli

    C’è stata una forte splosione a Scampia, quartiere “difficile” della città di Napoli: a rimanere distrutto soltanto un appartamento e per fortuna non è stata segnalata nessuna vittima, come neanche dei feriti. La notizia, riportata da “Fanpage” è di oggi venerdì 20 novembre 2020: e la deflagrazione è avvenuta questa mattina, precisamente alle 11.30 in un appartamento che si trova al terzo piano di uno stabile in piazza Libertà, nella periferia settentrionale di Napoli. Leggi anche Violentissima esplosione all’ospedale causa morti e feriti nel Connecticut: ecco cosa è successo.

    Esplosione a Scampia: tanta paura per il forte boato

    È stata tanta la paura, alle 11 circa di oggi 20 novembre, a Scampia, un quartiere non estraneo alle cronache della periferia settentrionale di Napoli: qui i tanti residenti hanno infatti sentito improvvisamente un boato fortissimo. È stata una esplosione a verificarsi: al terzo piano di un edificio che sorge in piazza Libertà: come riporta “Fanpage” sul posto si sono immediatamente recate le forze dell’ordine oltre ai vigili del fuoco. I carabinieri, che si sono adoperati per mettere in sicurezza l’area, hanno constatato l’assenza per fortuna, di morti o feriti. La deflagrazione ha causato danni soltanto all’appartamento. Leggi anche Forte boato avvertito dalla popolazione e poi l’incendio: cosa è successo a Senigallia?

    Esplosione a Scampia: le ipotesi delle forze dell’ordine

    Sono naturalmente in corso le opportune indagini e verifiche che porteranno a determinare le cause dell’esplosione e al vaglio ci sono anche le condizioni dell’appartamento e dell’intero edificio: da un primo accertamento sembra che a esplodere sarebbe stata una bombola di gas all’interno dell’appartamento interessato. Non sarebbe la prima volta del resto: la scorsa estate una bombola del gas aveva causato un’altra esplosione, tra l’altro sempre a Napoli, in un appartamento di via Salvator Rosa provocando il ferimento di una donna. Leggi anche Miniera d’oro illegale travolta da una frana

  • Il precedente: la bombola esplosa lo scorso giugno

    Non è raro che accadano cose del genere: lo scorso giugno 2020 è stata proprio una bombola di gas a causare un’altra esplosione nel cuore di Napoli lasciando ferita una donna originaria dello Sri Lanka che fu trasportata d’urgenza al reparto ustionati dell’ospedale di Napoli: secondo le ricostruzioni la donna è rientrata in casa e avrebbe semplicemente acceso la luce premendo sull’interruttore. I rilievi del caso fecero emergere che a causare l’esplosione fu proprio il malfunzionamento di una bombola di gas.

  • Previsioni Meteo Napoli di sabato 21 novembre 2020

    Rapido peggioramento con l’ingresso di aria fredda su tutta la Campania e il sud Italia. Piogge, temporali e forti raffiche di vento attese nelle prossime ore e il clima diverrà via via più freddo, quasi invernale. Temperature in calo e con massime che domani non supereranno i 12-13 gradi. Ventilazione piuttosto sostenuta dai quadranti settentrionali, mare molto mosso. Visibilità buona

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Eugenia Nicolosi

Laureata in storia dell’Arte e giornalista pubblicista, ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 avendo la possibilità di collaborare con diverse testate e siti di informazione. Ho iniziato a scrivere notizie legate all’attualità e al patrimonio monumentale italiano. Oggi sono esperta nel settore dei diritti e delle politiche di genere e appassionata al monitoraggio legislativo.

SEGUICI SU: