NanoPress

Pensioni 2018, arrivano i decreti attuativi: ecco cosa prevedono, tutte le novità

  • Entro il 30 gennaio il governo dovrà approvare i nuovi decreti attuativi sulla riforma pensioni 2018: le indiscrezioni dell’ultim’ora.

    Le ultime novità sulla riforma pensioni 2018

    Pensioni 2018, arrivano i decreti attuativi: ecco cosa prevedono, tutte le novità

    Ghiotte novità sulla riforma pensioni 2018 sono emerse con i nuovi decreti attuativi. Il Governo dovrà premere sull’acceleratore per definire le nuove categorie di lavoratori che saranno ammessi a beneficiare dell’Ape sociale e che quindi, il prossimo anno, saranno esclusi dall’aumento dell’età pensionabile previsto dalla Legge Fornero. La deadline, per l’esecutivo, è fissata il 30 gennaio 2018. Sempre entro il primo mese del 2018, il governo dovrà istituire le commissioni tecniche che saranno deputate al calcolare dell’aspettativa di vita per i diversi lavori.

    Ma altre novità bollono in pentola per quanto concerne la riforma pensioni 2018. Si dovrà attendere ancora qualche giorno prima che possano vedere la luce i decreti attuativi del Ministero del Lavoro sui nuovi requisiti per accedere all’Ape social e in materia di esonero dall’aumento dell’età pensionabile 2019. L’Esecutivo non potrà andare oltre il 30 gennaio 2018 per emanare i decreti attuativi, al fine di non “tradire” le tempistiche indicate nella Legge di Bilancio 2018. I precedenti, in tal senso, sono tutt’altro che positivi. L’attuale Governo ha già emanato con ritardo i decreti sull’Ape social nel 2018 e sulla pensione anticipata per i lavoratori precoci. Intanto si preannunciano nuovi ostacolo per l’avvio dell’Ape Volontaria. [….]

  • Garante Privacy, gli accordi con gli istituti bancari e le assicurazioni anche se i rilievi, rappresentati dallo stesso Garante, potrebbero condizionare il via libera al provvedimento. L’autorità di garanzia ha infatti richiesto alcuni chiarimenti in merito alle procedure di scambio dei dati personali dei lavoratori che fanno richiesta dell’anticipo pensionistico. Si tratta dell’ultimo baluardo da superare nel tortuoso percorso ad ostacoli che la misura istituita dalla Legge di Stabilità 2017 ha dovuto affrontare e che ha determinato importanti ritardi nel via libera definitiva.

    L’APe volontaria è un anticipo pensionistico che spetta ai lavoratori che ne fanno richiesta e che possono vantare alcuni requisiti fondamentali come il compimento del 63esimo anno di età e che hanno versato almeno 20 anni di contributi. Le somme che il lavoratore percepirà dovranno essere restituiti con rate ventennali sulla pensione.

  • Previsioni meteo del weekend 13-14 gennaio 2018

    Clicca qui per le previsioni meteo della tua città

    A cura di Marco Antonio Tringali

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter