Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 27 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Possibile maxi evacuazione al centro Italia: è stato ritrovato un ordigno bellico inesploso, ecco dove e quando

Un ordigno bellico inesploso risalente alla Seconda guerra mondiale è stato rinvenuto in un terreno privato in provincia di Roma. Al via le procedure per il disinnesco

Possibile maxi evacuazione al centro Italia: è stato ritrovato un ordigno bellico inesploso, ecco dove e quando
Ordigno bellico inesploso ritrovato nel centro Italia, momenti di apprensione per gli abitanti. Ecco cosa sta succedendo
1 di 2
  • Ordigno bellico rinvenuto in provincia di Roma

    Momenti di apprensione per gli abitanti di Monterotondo, Comune della provincia nord di Roma: di recente, infatti, è stato rinvenuto un ordigno bellico inesploso risalente alla seconda guerra mondiale in un terreno privato. Il ritrovamento, come reso noto dal Sindaco Riccardo Varone, è avvenuto in via Galvani, nella zona industriale del Comune. La zona, come riporta Romatoday.it, è stata messa prontamente in sicurezza. Leggi anche Maxi evacuazioni e blocco del traffico al nord Italia: ecco quando, dove e cosa accadrà

    Le dichiarazioni del Sindaco

    Si attende, ora, l’intervento di bonifica, necessario ma complesso. Come spiegato dallo stesso sindaco, “venerdì pomeriggio parteciperò ad una riunione operativa, convocata dal prefetto di Roma, nel corso della quale verranno decisi i tempi e i metodi dell’intervento, che verrà effettuato da personale militare specializzato con l’adozione di tutte le misure di cautela e sicurezza previste dal protocolli, compresa la possibile evacuazione temporanea di un’area più o meno circoscritta della zona interessata”.

    Ordigno inesploso rinvenuto in provincia di Lecco

    I ritrovamenti di ordigni bellici inesplosi, in Italia, sono tutt’altro che rari. Di recente, come riporta Valsassinanews.com, una bomba è stata ritrovata occasionalmente nel territorio di Pagnona (in provincia di Lecco), in località Barchitt de mezz, a 1800 metri di altitudine. Nella giornata si mercoledì 8 settembre c’è stato il disinnesco da parte del 10° reggimento Genio Guastatori di Cremona.

    CONTINUA A LEGGERE

  • L’evacuazione per il disinnesco

    Fino al disinnesco della bomba è stato dato ordine ai cittadini di mantenere una distanza di almeno 95 metri dal luogo in cui era posizionato l’ordigno. Nel giorno del disinnesco c’è stata invece l’evacuazione: gli abitanti in un raggio di 598 metri dal luogo in cui si trovava l’ordigno hanno dovuto abbandonare temporaneamente le proprie abitazioni per permettere lo svolgimento delle operazioni in sicurezza.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascinano il mondo dell'informazione e quello della comunicazione.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia