Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Sette anni di carcere a chi ruba i cani: ecco dove sarà introdotta la nuova legge

Una nuova riforma in discussione in Gran Bretagna introdurrà un nuovo reato per i ladri di cani e altri animali domestici: fino a 7 anni di carcere

Sette anni di carcere a chi ruba i cani: ecco dove sarà introdotta la nuova legge
Sette anni di carcere a chi ruba i cani: ecco dove sarà introdotta la nuova legge
1 di 3
  • In Gran Bretagna sarà introdotto un nuovo reato per i ladri di animali

    Rubare un cane, in Gran Bretagna, è considerato come equivalente di una proprietà smarrita: presto, però, le cose potrebbero cambiare. Il governo di Boris Johnson, infatti, ha promesso l’introduzione di una riforma che inasprirebbe la pena per questo reato: l’intenzione, come si legge su Notizie.it, è quella di contenere il fenomeno che vede in netto aumento i furti di animali domestici. Leggi anche Branco di cinghiali invade la città creando danni e disagi: ecco cos’è successo nel centro Italia

    Pene più dure: fino a 7 anni di carcere

    Nel 2020, con l’inizio del lockdown, si è registrato un incremento di furti di cani e altri animali: duemila quelli registrati. Per questo motivo si sta pensando di introdurre una pena fino ad un massimo di 7 anni di carcere, che potrebbero aumentare in caso di ulteriori modifiche della legge. Di recente è stata istituita, su volontà dei parlamentari, una task force che avrà il compito di creare un reato apposito con pene più dure per i ladri di cani e alti animali domestici.

    Le dichiarazioni del Governo

    Come spiegato da una fonte del governo inglese, si è decido di ascoltare enti di beneficenza, allevatori e polizia per capire meglio cosa fare per affrontare questo crimine, piuttosto che apportare una modifica simbolica della legge: “Parte del pacchetto sarà un nuovo reato che riflette una realtà, cioè quella che per la maggior parte delle persone gli animali non sono solo proprietà e che il furto è traumatico sia per il proprietario sia per l’animale. Le condanne saranno quindi più dure”.

    CONTINUA A LEGGERE

  • Un fenomeno in crescita

    Una riforma, quella sulla quale il governo britannico è al lavoro, resa necessaria da un fenomeno in forte aumento: quello del furto di cani e altri animali domestici, tra l’altro in crescita con la pandemia e in lockdown. Tra il 2020 e il 2021, come testimoniato dai dati ottenuti dal servizio Radar dell’agenzia di stampa della PA, sulla base delle richieste di Freedom of Information alle forze dell’ordine, in Inghilterra sono stati registrati almeno 1.791 furti di cane, in aumento dell’11% rispetto all’anno precedente.

  • La causa del peggioramento del fenomeno

    Cos’ha portato a questo aumento? Durante il lockdown, per combattere la solitudine, in molti hanno deciso di adottare o acquistare degli animali domestici. Una tendenza confermata anche dall’aumento delle ricerche su Google in tal senso. Sono aumentate, quindi, le persone in possesso di un cane, di un gatto o di altri animali: per i criminali una vera e propria fonte di guadagno, che però crea un danno emotivo alle famiglie lese.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascinano il mondo dell'informazione e quello della comunicazione.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia