Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

Terremoto, l’Italia centrale sta ricominciando a tremare: nuove scosse registrate dall’INGV in Umbria e nelle Marche. I dati ufficiali

Anche nella giornata di oggi, martedì 4 agosto 2020, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato diverse scosse di terremoto in Umbria e nelle Marche

Terremoto, l'Italia centrale sta ricominciando a tremare: nuove scosse registrate dall'INGV in Umbria e nelle Marche. I dati ufficiali
1 di 3
  • Terremoto, scossa in provincia di Perugia

    Da alcuni giorni la terra ha ripreso a tremare al centro Italia, con diverse scosse registrate in Umbria e nelle Marche. In tal senso, nella giornata di oggi, martedì 4 agosto 2020, alle ore 13:21, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di magnitudo 2.6 Monteleone di Spoleto, in provincia di Perugia, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. L’evento sismico in questo caso è stato localizzato ad 1 chilometro da Monteleone di Spoleto, a 6 chilometri da Poggiodomo, a 9 chilometri da Cascia e a 11 chilometri da Leonessa. L’evento sismico, inoltre, è stato localizzato a 26 chilometri ad est di Terni, a 39 chilometri a sud-est di Foligno, a 51 chilometri a nord-ovest de L’Aquila e a 63 chilometri ad ovest di Teramo. FORTE SCOSSA DI TERREMOTO IN TURCHIA

    Terremoto, scossa in provincia di Macerata

    Dunque, abbiamo sottolineato come la terra sia tornata a tremare in Umbria, ma anche nelle Marche. In tal senso, quest’oggi, alle ore 08:49, si è verificata una scossa di terremoto di magnitudo 2.8 a Ussita, in provincia di Macerata, con ipocentro a 12 chilometri di profondità. Per quanto riguarda i Comuni situati entro 20 chilometri dall’epicentro del sisma, il terremoto è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 3 chilometri da Ussita, a 3 chilometri da Visso, a 4 chilometri da Castelsantangelo sul Nera e a 8 chilometri da Preci. Per quanto riguarda le città più vicine con almeno 50.000 abitanti, la scossa è stata localizzata a 34 chilometri ad est di Foligno, a 56 chilometri a nord-est di Terni, a 56 chilometri a nord-ovest di Teramo e a 63 chilometri ad est di Perugia. Alle 13:04 e alle 16:56, poi, l’INGV ha registrato altre 2 scosse, questa volta di magnitudo 2.2 e 2.0 a Ussita, con ipocentro a 10 e 117 chilometri di profondità.

    Terremoto, scossa in provincia di Macerata

    Nella giornata di oggi, martedì 4 agosto 2020, alle ore 12:47, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato un sisma di magnitudo 2.1 nelle Marche, esattamente a Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata, con ipocentro a 7 chilometri di profondità. Per quanto riguarda i Comuni situati entro 20 chilometri dall’epicentro, il sisma è stato localizzato a 9 chilometri da Castelsantangelo sul Nera, a 10 chilometri da Arquata del Tronto, a 10 chilometri da Norcia e a 11 chilometri da Montegallo. L’evento sismico, inoltre, si è verificato a 43 chilometri ad est di Foligno, a 45 chilometri ad ovest di Teramo, a 54 chilometri a nord-est di Terni e a 55 chilometri a nord de l’Aquila. TERREMOTO, LE ULTIME SCOSSE REGISTRATE IN ITALIA

  • Terremoto, ieri scossa in provincia di Messina

    Nella giornata di oggi, martedì 4 agosto 2020, alle ore 12:40, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una lieve scossa di magnitudo 2.3 in Sicilia, esattamente a San Teodoro, in provincia di Messina, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. L’evento sismico è stato localizzato a 52 chilometri a nord.ovest di Acireale, a 54 chilometri a nord-ovest di Catania, a 65 chilometri a nord-est di Caltanissetta e a 89 chilometri ad ovest di Messina.  Sempre a San Teodoro, si sono registrate altre due scosse di terremoto alle ore 13:11 e 14:55, rispettivamente di magnitudo 2.2 e 2.3, con ipocentro a 7 e 9 chilometri di profondità.

  • Terremoto, scossa nel distretto Tirreno Meridionale

    Nel corso della giornata di oggi, martedì 4 agosto 2020, alle ore 12:06, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di magnitudo 2.6 nel distretto Tirreno Meridionale (MARE), con ipocentro a 155 chilometri di profondità. L’evento sismico in questo caso è stato localizzato a 64 chilometri a nord di Messina, a 68 chilometri ad ovest di Lamezia Terme, a 73 chilometri a nord di Reggio Calabria e a 83 chilometri a sud-ovest di Cosenza.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: