La lettera del diavolo: il mistero della strana missiva trovata in un monastero in Sicilia

Pubblicato da

Segnala
  • C’è una lettera risalente al XVII secolo e da tutti conosciuta come la lettera del diavolo che nasconde un vero e proprio mistero ancora lontano dall’essere svelato. I dettagli

    La lettera del diavolo: il mistero della strana missiva trovata in un monastero in Sicilia

    La lettera del diavolo: il mistero della strana missiva trovata in un monastero in Sicilia

    La lettera del diavolo: il mistero della strana missiva trovata in un monastero in Sicilia – Avete mai sentito parlare della lettera del diavolo? Si tratta di un’antica missiva scritta in caratteri praticamente incomprensibili, risalente al diciassettesimo secolo e custodita ed esposta nella torre della cattedrale di Agrigento. Una copia, invece, è presente nel monastero di clausura di Palma di Montechiaro sempre in provincia di Agrigento. Si racconta che la lettera detta “del diavolo” fu ricevuta da una suora di clausura, suor Maria Crocefissa della Concezione, al secolo Isabella Tomasi.[…]

  • La leggenda vuole che a consegnare il testo fu il diavolo in persona con lo scopo di tentare e condurre al peccato la religiosa. Per anni ricercatori ed esperti hanno provato a decifrare le parole scritte nella lettera del diavolo, ma mai nessuno è venuto a capo del mistero, perché la lingua in cui è scritta non è conosciuta anche se alcune parole ricordano l’arabo antico. In Sicilia la storia della lettera del diavolo è piuttosto nota, al punto che lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa si ispirò alla sua famosa antenata suor Crocifissa per il personaggio della “beata Corbera” per il suo celebre romanzo “Il Gattopardo”.[…]

  • Secondo una leggenda popolare, infine, il vero significato che si cela dietro la lettera del diavolo sarebbe questo: ” Mio figlio Calogero comanderà su tutti i paesi e su tutte le città ma ohimè sarà sempre da solo e si comporterà in modo signorile”. Questa ipotesi, però, non ha mai trovato conferme.

Iscriviti alla nostra newsletter
Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter