NanoPress

Ciclone GITA: Tonga devastata dalla tempesta categoria 4, allerta in Nuova Caledonia

  • Il ciclone Gita ha raggiunto la categoria 4 devastando Tonga, mentre ora si sta dirigendo in Nuova Caledonia, dove è allerta.

    Il ciclone Gita ha devastato Tonga con venti ben oltre i 200 km/h ed ora si dirige verso la Nuova Caledonia. Fonte: MODIS image from NASA’s Terra satellite

    Ciclone GITA: Tonga devastata dalla tempesta categoria 4, allerta in Nuova Caledonia – 14 febbraio 2018 – E’ allerta dall’altra parte del mondo, nel Pacifico meridionale, con un potente ciclone tropicale, rinominato Gita, che ha raggiunto la categoria 4 sulla scala Saffir Simpson –>guarda qui. Ricordiamo che un ciclone tropicale non è nulla di diversi rispetto agli uragani che si abbattono sulle coste degli Stati Uniti o dei Caraibi: semplicemente assumono un nome diverso a seconda di dove si sviluppano, con i cicloni che insistono nel Pacifico meridionale e i tifoni invece in quello settentrionale. Gita, come detto, ha raggiunto la categoria 4, con i suoi venti medi che hanno toccato velocità prossime ai 220 km/h e raffiche superiori ai 255 km/h. Tonga si è trovata sull’esatta traiettoria di quella che è la tempesta più forte ad aver mai colpito l’arcipelago nelle ultimi 60 anni. L’occhio del ciclone Gita è transitato sulla più grande e popolosa isola di Tonga, sferzando con la sua potenza anche la capitale Nuku’alofa: tantissimi i danni riportati in seguito al passaggio della tempesta, con anche il Parlamento che è stato distrutto. Si ha notizia anche di 30 persone rimaste ferite a Tonga in seguito al passaggio di Gita ma fortunatamente nessuna vittima. Ora il ciclone sta continuando la sua marcia verso Ovest, alimentato dalle acque anomalamente calde che circondano queste isole polinesiane. […]

    CLICCA QUI SE NON SEI ANCORA ISCRITTO AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: NON PERDERTI NESSUN NUOVO VIDEO!

  • Gita continua a rimanere un potente ciclone categoria 4 ed ora si sta dirigendo verso la Nuova Caledonia: qui è allerta, perché nonostante l’occhio della tempesta sia previsto sfiorare l’isola nella sua parte meridionale, venti sostenuti potrebbero flagellare tutto lo stato specie nella giornata di venerdì. Anche le Fiji sono state in parte interessate da Gita, con il ciclone che è transitato su due remote isole con cui non sono ancora state ripristinate le comunicazioni. […]

  • a cura di Martina Rampoldi

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter