NanoPress

Diretta NEVE / è emergenza in Abruzzo, 87mila persone ancora senza luce

Pubblicato da Martina Rampoldi

Segnala
  • Diretta NEVE / Italia nella morsa del maltempo con nevicate abbondanti e piogge intense: numerosi i disagi specie in Abruzzo.

    Diretta NEVE è emergenza in Abruzzo, 87mila persone ancora senza luce

    Diretta NEVE / Italia nella morsa del maltempo con nevicate abbondanti e piogge intense: numerosi i disagi specie in Abruzzo. Fonte: tg24.sky.it

    Diretta NEVE / è emergenza in Abruzzo, 80mila persone ancora senza luce – 18 gennaio 2017 – Il maltempo non si è ancora esaurito sull’Italia con un minimo di bassa pressione che rimane quasi stazionario sul basso Tirreno: questo è responsabile dei rovesci e dei temporali come anche della neve abbondante che continua a cadere specie sul versante Adriatico e sulle zone interne del Centro Sud –>guarda qui. Il maltempo va inoltre a sommarsi a quello che ha tenuto nella sua morsa l’Italia nei giorni scorsi, con la neve che ha già accumulato oltre 2 metri di neve sull’Adriatico. E’ emergenza maltempo soprattutto nelle Marche, con le zone terremotate sommerse dalla neve, in Abruzzo, dove manca ancora la corrente elettrica, e in Molise, con nevicate abbondanti sugli Appennini fino a bassissima quota.

    ORE 11.00 – Nell’Ascolano, esattamente a Villa Pigna, a causa della neve accumulata sui tetti è crollata la copertura della palestra dell’Isc Folignano. Sempre ad Ascoli è crollata anche parzialmente una strada a Monticelli. Non solo in Abruzzo, ma anche nelle Marche il maltempo continua ad insistere.

    ORE 10.00 – Non solo neve in Abruzzo e su tutto l’Adriatico, ma anche tanta pioggia: è emergenza oggi per l’esondazione del fiume Pescara, che è stato gonfiato sia dalle precipitazioni che dalla neve caduta in quota. Le golene sono state chiuse questa mattina prima dell’alba, mentre poi il Pescara è esondato verso le 5 circa. Molti disagi anche per gli allagamenti diffusi sulla costa: Pescara, Montesilvano (PE) e Francavilla al Mare (CH) sono sommerse dall’acqua, con strade e sottopassi chiusi in più punti. Chiuso un tratto di lungomare a Montesilvano, a causa dell’acqua che ha invaso le starde che portano alla riviera.

    ORE 09.00 – Si muove l’Esercito in direzione dell’Abruzzo a causa dell’emergenza neve e maltempo. In particolare, sono 87mila le persone in tutta la regione ad essere ancora al buio, con la neve abbondante che ha danneggiato le linee elettriche già nella giornata di ieri: proprio ieri mattina poi, era stato chiuso per almeno 2 ore un tratto dell’autostrada A14 nella zona di Pescara, dove in carreggiata è caduto un cavo dell’alta tensione che è crollaro sotto il peso delle abbondanti nevicati. A causa della neve sono caduti molti alberi e i pali della luce, con la corrente che come detto ancora non è stata ripristinata: in più, con le strade ostruite da rami e detriti, sono difficoltose le operazioni degli spazzaneve.

    ORE 07.00 – La giornata di ieri si è chiusa con un bilancio tragico a causa del maltempo sull’Italia: due infatti sono state le vittime di freddo e neve che in questi giorni stanno tenendo nella sua morsa il Centro Sud. La prima vittima è un uomo che è morto in Abruzzo dopo essere caduto in acqua nella zona di Giulianova, mentre un senza fissa dimora ha perso la vita nell’agrigentino a causa del freddo intenso che ha colpito la Sicilia. La situazione più critica comunque si continua a registrare soprattutto sul versante Adriatico, tra Marche, Abruzzo e Molise: su queste regioni la neve ha già raggiunto i 2 metri e oggi, mercoledì 18 genneio, il maltempo non darà tregua con le nevicate continueranno ad interessare la zona.

    […]

  • Il Centro Sud Italia è interessato ormai da domenica 15 gennaio da una intensa fase di maltempo invernale, la quale porta specie sull’Adriatico e sulle zone meridionali rovesci anche a carattere di temporale e neve abbondate su Marche, Abruzzo e poi anche Molise. Finora sul versante Adriatico sono caduti oltre due metri di neve non solo sull’Appennino, con alcune frazioni isolate, ma anche a bassa quota, con fiocchi che hanno raggiunto localmente la costa. Nelle prossime ore la situazione non è destinata a migliorare: la presenza di un minimo che stazionerà nella giornata di oggi e poi nei prossimi giorni sul basso Tirreno –>clicca qui, continuerà a portare sull’Italia maltempo di stampo prevalentemente invernale, con rovesci ma soprattutto con tanta neve la quale cadrà localmente fino a bassa quota. In totale, con questa perturbazione potrebbero cadere oltre 3 metri di neve, i quali si andrebbero a sommare anche a quelli, sempre oltre i 150-200 centimetri caduti la scora settimana. […]

  • Sull’Italia dunque, e in particolare sul versante Adriatico e sulle regioni meridionali, è tornato il maltempo di stampo prevalentemente invernale, con piogge e neve a bassa quota portate dalla presenza di un minimo associato ad aria molto fredda presente sul Mar Tirreno meridionale –>leggi qui. Nelle prossime ore attenzione all’Abruzzo e alle Marche, dove la neve cadrà anche in maniera copiosa fino a bassa quota: sono attese nevicate fino in valle o comunque fino a 100 metri. Non solo però, perché la neve cade abbondantemente anche sulla Sardegna, con i fiocchi che hanno raggiunto le porte di Cagliari. Anche in Sicilia la neve è caduta abbondantemente sulle zone interne. Continua l’emergenza maltempo al Centro Sud Italia quindi –>guarda qui, con l’Adriatico e il Sud che saranno interessati da nevicate nuovamente a quote medio basse. Seguite tutti i prossimi aggiornamenti per rimanere sempre informati sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore.

    a cura di Martina Rampoldi

Martina Rampoldi

Fin da quando ero piccola sono sempre stata attratta dalle previsioni del tempo e da tutti gli eventi atmosferici. Nata e cresciuta a Milano, mi sono laureata in Fisica dopo la maturità scientifica e successivamente ho conseguito il Master in Meteorologia presso l'Universitat de Barcelona. Nel 2014 ho raggiunto Roma entrando a far parte del team del centrometeoitaliano.it come meteorologa. Principalmente mi occupo di previsioni meteo e della stesura dei bollettini, insieme ai comunicati per varie stazioni radio e ai video di divulgazione. Amante del freddo e della neve e di tutto ciò che riguarda la montagna, affascinata da uragani e tornado.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter