Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 16 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Il clima della Sardegna

di

Mappa della Sardegna. Fonte: wikipedia

La Sardegna è la più occidentale delle regioni Italiane. La Sardegna risulta completamente circondata dal mare e presenta un clima marcatamente Mediterraneo; giornate prevalentemente soleggiate, temperature miti, piogge raramente abbondanti e tempo spesso ventoso sono i tratti generali caratteristici del clima della Sardegna.

  • Le piogge sulla Sardegna non sono in genere abbondanti e si concentrano prevalentemente durante il semestre freddo; si presentano frequentemente a carattere di rovescio, tendendo ad essere intense e non durature. Risultano molto scarse nel Campidano e lungo le coste Meridonali, dove cadono meno di 400 mm, valori confrontabili con quelli delle zone semiaride, mentre si attestano tra i 600-700 mm sulle zone interne collinari e più in generale su gran parte dei settori dell’Isola. La piovosità maggiore viene raggiunta sul Gennargentu, dove le precipitazioni possono cadere in forma nevosa durante la stagione invernale, superando i 1000 mm. Il versante Occidentale della Sardegna risente maggiormente delle correnti oceaniche; meglio raggiunto dalle depressioni Atlantiche le precipitazioni, infatti, raggiungono e localmente superano i 700-800 mm annui anche se poi durante l’Estate tale area risulta essere tra le più asciutte dell’Isola. Proprio nel periodo estivo le piogge possono mancare per mesi, conferendo un’accentuata aridità al territorio.
  • La Sardegna, lontana dalle grandi masse continentali, con i relativi ostacoli orografici, è spesso battuta da intensi venti in qualsiasi stagione dell’anno. I venti più frequenti e forti sono il Maestrale, lo Scirocco ed il Libeccio che in Inverno danno luogo a piogge e mareggiate, mentre spesso in Estate rendono il clima molto secco e favoriscono il propagarsi degli incendi. In Inverno lo Scirocco richiamato da perturbazioni Afro-Mediterranee apporta intense ondate di maltempo sulla Sardegna Meridionale, mentre il Libeccio ed il Maestrale favoriscono le piogge sulla parte Occidentale, ed è proprio la frequenza delle correnti occidentali a spiegare la maggior piovosità di questo settore dell’Isola. Il Maestrale è anche responsabile di episodi di freddo e neve invernale, trasportando con sè l’aria artica che sfocia nel Mediterraneo dalla Valle del Rodano. In Estate lo Scirocco porta con sè aria dai deserti Nordafricani  molto calda ed asciutta che spesso si accompagna al pulviscolo Sahariano ed a temperature elevatissime. Tali avvezioni di aria calda annunciano l’arrivo dell’Anticiclone Africano che in Estate permane a lungo su queste zone del Mediterraneo
  • Sotto l’aspetto termico la Sardegna presenta un clima molto mite con Estati molto calde ed Inverni miti. Le temperature medie annuali si attestano tra i 15 ed i 18°C. In Estate le temperature oltrepassano i 30°C diffusamente e durante le avvezioni calde possono tranquillamente raggiungere la soglia dei 40°C; l’umidità bassa e la ventilazione sostenuta rendono comunque sopportabile il caldo. D’Inverno le temperature restano miti specie nelle coste, mentre possono scendere sotto allo 0°C sui settori interni in quota. Le irruzioni fredde causano talvolta repentini crolli delle temperature con nevicate che localmente possono raggiungere le zone di pianura o  le coste; si tratta di episodi brevi, sostituiti in breve da masse d’aria più miti.

La vegetazione caratteristica della Sardegna è quella della macchia mediterranea che quì si esprime al meglio; querce da sughero, ulivi, lecci, pini marittimi e lauri si alternano ad ampi prati con vegetazione arbustiva, specie nei settori più aridi e salmastri. Si tratta di piante sempreverdi tipiche delle aree costiere e precostiere. Nei settori interni crescono invece castagni e farnie

Tipico paesaggio costiero della Sardegna. Fonte:www.universinet.it

 

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!