Giovedì 22 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

Impressionante shelf cloud sui cieli d’Abruzzo, lungo la costa di Montesilvano

Incredibili immagini giungono dall' Abruzzo dove una tempesta accompagnata da una vasta shelf cloud si è abbattuta in mare

Impressionante shelf cloud sopra le coste abruzzesi, Lunedì 11 Marzo. Foto deboradp1003
1 di 2
  • Una possente Shelf Cloud ha innescato momenti di paura lungo le coste abruzzesi

    Durante il pomeriggio di Lunedì 11 Marzo poco a largo delle coste di Montesilvano, in Abruzzo, si è sviluppata un’ impressionante Shelf Cloud, una nuvola simile ad un onda in grado di innescare momenti di paura e di timore per coloro che si trovavano sul posto. In seguito all’ assaggio tipicamente primaverile avuto nelle precedenti settimane quando al centro e al sud Italia le temperature raggiungevano persino i 26-28°C, fredde correnti polari-marittime ( fino a -37°c alla quota di geopotenziale di 500 hPa) hanno raggiunto la nostra penisola nella giornata di Lunedì 11 Marzo e hanno fanno crollare le temperature anche di 20 gradi in alcune città rispetto i valori dei precedenti giorni. Il tutto veniva  ampiamente previsto dal meteorologo Roberto Schiaroli in questo editoriale della precedente settimana.

    Nella giornata di Lunedì 11 Marzo sull’ Italia il maltempo ha prodotto piogge, neve,  grandine e forti venti settentrionali

    Arrivano dall’Abruzzo le impressionanti immagini di un’enorme Shelf Cloud che passa sopra la costa di Montesilvano, nei pressi di Chieti. Poco prima di questo evento si segnalavano temporali in diverse regioni del centro-nord con forti raffiche di vento e locali grandinate specie tra Romagna, Marche e Umbria, con le correnti settentrionali in discesa da nord verso sud attraverso il mar adriatico. La foto qui a fianco ci arriva proprio dalle coste di Montesilvano, l’ enorme shelf cloud preannunciava appunto una grande tempesta in mare.

  • Shelf Cloud o nube a mensola, cos’è e come si genera

    Una shelf cloud o “nube a mensola” è una particolare formazione nuvolosa che ha appunto la forma di una mensola. Essa preannuncia l’arrivo di una tempesta, dietro di essa è possibile osservare un vero e proprio muro di acqua o ghiaccio in caduta solitamente distinguibile a seconda della colorazione che assume la colonna. Osservando una shelf cloud, quello che vediamo altro non è che il confine tra le correnti di downdraft (ovvero di discesa) e updraft (ovvero quelle di ascesa) di una cella o di una linea temporalesca: l’aria fredda e l’umidità scaricate dalla piogge all’interno del temporale si diffondono in parte anche lateralmente venendo poi di nuovo risucchiate insieme all’aria più calda al suolo sulla parte anteriore del temporale condensandosi e formando appunto una shelf cloud. Nelle prossime ore il maltempo interesserà ancora l’ Italia , vi invitiamo quindi a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.


1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Roberto Schiaroli

nato a Foligno anno 1982. All' età di soli 10 anni ho scoperto la mia passione per la Meteorologia e dopo qualche anno mi ritrovai un lavoro totalmente autodidatta (analisi climatica di Foligno) pubblicato sulla rivista semestrale dell' Aereonautica Militare (anno 1998). Da qui decisi di intraprendere gli studi universitari una volta finito il liceo Scientifico e mi iscrissi all' università di Bologna, facoltà di Fisica dell' Atmosfera e Meteorologia. In seguito alla laurea conseguita ho intrapreso la carriera professionale di Meteorologo presso il Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Umbria come tirocinante, a seguire ho applicato la Meteorologia all' agricoltura tramite il Consorzio Tutela del Sagrantino di Montefalco, fino alla collaborazione attuale con il team di CentroMeteoItaliano.it in qualità di previsore, emissione di bollettini, video meteo, articolista.