Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

Inversioni termiche

di

centro meteo italiano

Cosa sono e come si formano le inversioni termiche, alla base di nebbie e nubi basse

Definizione: Le inversioni termiche sono un fenomeno atmosferico che consiste in un’alterazione del normale gradiente termico della troposfera. In condizioni normali la temperature dell’aria decresce con l’aumentare della quota. In genere si ha un calo di circa 6,5°C ogni 1000 metri. Ciò si verifica perchè il Sole scalda la superficie terrestre e questa a sua volta cede il calore all’aria, scaldandola dal basso. Questo è appunto il comportamento classico, ma talvolta si verifica che salendo di quota in uno strato di un certo spessore verticale si verifichi la situazione opposta; ossia la temperature aumentino, invece che scendere. Quando ciò accade ci troviamo appunto in condizioni d’inversione termica.

Cause: Le inversioni termiche si generano frequentemente in Inverno durante lunghi periodi anticiclonici. Le notti lunghe ed i cieli sereni favoriscono una rapida perdita di calore da parte del suolo che si raffredda molto più rapidamente rispetto alla massa d’aria sovrastante. In conseguenza di ciò lo strato d’aria a diretto contatto con il suolo si raffredda maggiormente rispetto a quelli sovrastanti, generando una fascia d’inversione termica. Più l’alta pressione è robusta durante la stagione invernale e più risultano marcate e frequenti le inversioni termiche.

Altro meccanismo con cui si può generare un’inversione termica è durante un’avvezione d’aria calda. Quando una certa regione viene invasa da aria più calda,  questa tende a salire sopra a quella preesistente più fredda,  generando il fenomeno.

Conseguenze: Essendo spesso associata ai domini anticiclonici invernali, l‘inversione termica si associa ed anzi rinforza la stabilità dell’aria, inibendo i moti verticali ed anche la ventilazione nei bassi strati, impedendo un ricambio dell’aria. Sono queste le condizioni meteorologiche favorevoli sia alla formazione delle nebbie che all’accumulo degli inquinanti nei grandi centri urbani. Quando le inversioni termiche si fanno intense e durature, l’aria praticamente immota al suolo può causare delle vere proprie crisi di smog. Soltanto l’arrivo di una perturbazione o un vivace ricambio d’aria rimuovono l’inversione termica.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

SEGUICI SU: