Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 30 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Arriva il primo SQUILLO dell’ESTATE, robusto ANTICICLONE si estenderà sul Mediterraneo, ecco quando

METEO - L'ANTICICLONE tornerà presto ad essere SUPERSTAR nel Mediterraneo: arrivo il primo SQUILLO dell'ESTATE la prossima settimana, ecco i dettagli

Robusto anticiclone in arrivo la prossima settimana?
Robusto anticiclone in arrivo la prossima settimana?
1 di 3
  • Oggi giornata migliore con ampie schiarite al centro-sud

    Abbiamo spesso parlato negli ultimi giorni di come l’Estate sia stata fin qui pressoché assente sul Mediterraneo e nella nostra Penisola, che sono invece risultati spesso bersagliati da numerosi affondi perturbati di matrice nordatlantica responsabili di ondate di maltempo talvolta anche intense e responsabili di alcuni danni in giro per il Paese e soprattutto al nord. Nella fattispecie della giornata odierna le condizioni meteo appaiono generalmente migliori (con le dovute eccezioni, come vedremo) sulle regioni centro-meridionali, dove si verificano ampie schiarite e cieli in prevalenza soleggiati, com’è evidente dalle immagini satellitari.

    Maltempo al nordest, Friuli Venezia Giulia nel mirino

    Come scritto in precedenza, al netto di un generale miglioramento delle condizioni meteo che comunque interessa anche parte del nord, ci sono le dovute eccezioni: le regioni nordorientali infatti sono alle prese oggi con il forte maltempo che sta colpendo in maniera piuttosto intensa in queste ore il Friuli Venezia Giulia, com’era evidente anche dal quadro previsionale disponibile nella giornata di ieri. Benché localmente i fenomeni si presentino a carattere di nubifragio, al momento non giungono notizie su criticità particolari, con gli accumuli che raggiungeranno valori moderati e temperature piuttosto fresche.

    L’Italia rimarrà sul bordo orientale dell’Alta pressione da qui alla settimana prossima

    Per quanto riguarda invece l’evoluzione meteo relativa ai prossimi giorni e basandoci ovviamente sulle ultime emissioni modellistiche dei principali centri di calcolo, sembrerebbe che la nostra Penisola rimanga presso i bordi orientali dell’Alta pressione, che nel frattempo si ergerà sul Mediterraneo occidentale piegando poi sull’Europa centrale. L’Italia rimarrà dunque ancora esposta, da qui alla prossima settimana, alle correnti più fresche e instabili provenienti dai quadranti orientali che saranno responsabili dell’instabilità convettiva pomeridiana che interesserà principalmente i settori interni dello stivale (dorsale appenninica in primis).

  • Ma la prima rimonta dell’Alta pressione non verrà scongiurata

    Malgrado ciò non verrà tuttavia scongiurata la prima rimonta dell’Alta pressione afroazzorriana che si completerà la prossima settimana e precisamente (stando alle attuali emissioni modellistiche) intorno alla giornata di giovedì 25 giugno. Essa potrà infatti essere la prima giornata di una serie che però potrebbe durare solamente qualche giorno, di totale stabilità in Italia. Inoltre, anche le temperature ne risentiranno con i valori che agilmente riusciranno a superare i +30°C.

  • L’Alta pressione durerà però qualche giorno

    Stando alle attuali proiezioni modellistiche però, l’Alta pressione potrebbe avvolgere interamente l’Italia solamente per qualche giorno, in quanto verso la fine del mese si farebbero strada nuovamente le correnti più fresche e instabili provenienti dai quadranti orientali. Esse non intaccherebbero comunque le condizioni meteo delle aree costiere e, probabilmente, anche dell’immediato entroterra, mentre porterebbe allo sviluppo di nuovi temporali pomeridiani sui settori interni e in special modo, per l’appunto, lungo la dorsale appenninica. Su tale tendenza approfondiremo però in seguito.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: