Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 9 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ATTENZIONE al WEEKEND: INFURIANO i venti di BORA con il MALTEMPO in ITALIA, tutti i dettagli

METEO - Nel WEEKEND arrivano le correnti di MALTEMPO: INFURIA la BORA vicina ai 90km/h, TEMPORALI e GRANDINATE in ITALIA, i dettagli

Vento, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Fase stabile in compagnia dell’Alta pressione

    Come più volte annunciato nel corso dei passati giorni, nel corso di questa settimana si sarebbe aperta una parentesi di generale stabilità sull’intero territorio nazionale causata dalla rimonta anticiclonica di origine afroazzorriana che, per l’appunto, avvolge tutta la nostra Penisola. La componente d’aria oceanica che riserva l’Alta pressione, ha fatto sì inoltre che il caldo non causasse un disagio fisico troppo elevato nella popolazione, grazie ai valori di umidità relativa nettamente più contenuti rispetto alla settimana passata e a temperature che tutto sommato registrano valori allineati alla media o non di molto lontani.

    Condizioni meteo destinate a cambiare nelle prossime ore

    Le condizioni meteo su alcune zone della nostra Penisola tenderanno però a cambiare nel corso delle prossime ore, grazie ad un lieve arretramento dell’Alta pressione di origine afroazzorriana previsto per la giornata di domani venerdì 10 luglio. Un cavo atlantico difatti progredirà dai quadranti settentrionali puntando successivamente l’Italia nel corso del weekend, come vedremo nei successivi paragrafi. Ciò determinerà un primo peggioramento nel pomeriggio di domani, che interesserà solo alcuni settori italiani, nonché quelli più settentrionali, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

    Nel weekend in arrivo impulsi di aria più fresca da nordest

    Nel corso del prossimo fine settimana il cavo atlantico precedentemente menzionato completerà l’affondo sulla nostra Penisola. Ciò determinerà l’affluenza di aria più fresca e instabili in ingresso dai quadranti nordorientali, nonché dalla celebre “Porta della Bora“. Così come in inverno, l’ingresso delle correnti d’aria da quella direzione, determinano la furia dei venti di bora soprattutto a Trieste e nel Canale di Venezia. Nel primo caso i venti potranno raggiungere raffiche fin sui 90km/h nella serata di sabato 11 luglio, mentre tenderanno ad arrivare più scarichi nel secondo caso. Forti raffiche di bora hanno già causato peraltro dei danni sulla riviera romagnola nella mattinata di martedì.

  • Maltempo in arrivo in Italia

    Contestualmente all’intensificazione dei venti di Bora sui settori più nordorientali della nostra Penisola, le condizioni meteo tenderanno visibilmente a peggiorare a partire fin dalla mattinata di sabato sulle regioni del Triveneto e in Lombardia, con possibili nubifragi e locali grandinate. Successivamente, nel corso del pomeriggio, l’instabilità potrebbe estendersi fin sull’Emilia-Romagna e occasionalmente anche nelle zone tra Piemonte e Liguria. Ma non è finita qui.

  • Fronte perturbato interesserà anche le centrali adriatiche

    Il fronte perturbato continuerà a scendere verso meridione interessando anche le regioni del versante adriatico centrale, con le Marche più colpite tra la serata di sabato 11 e le prime ore di domenica 12 luglio. Successivamente il miglioramento delle condizioni meteo sarà immediato pressoché ovunque entro il pomeriggio di domenica stessa, con temperature che torneranno ad aumentare su valori comunque contenuti all’interno della media del periodo.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: