Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 6 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ATTENZIONE, arriva il BREAK di FERRAGOSTO con TEMPORALI e GRANDINATE, i dettagli

METEO - ATTENZIONE, arriva il BREAK di FERRAGOSTO con il passaggio di un CAVO ATLANTICO responsabile di TEMPORALI e GRANDINATE, ecco le ZONE a rischio NUBIFRAGI

Temporale, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Maltempo sulle regioni meridionali

    La saccatura di origine atlantica responsabile di un’ondata di duro maltempo che ha attraversato l’Italia fino alla giornata di ieri si è ora centrata nel settore balcanico e precisamente tra la Grecia e la Turchia, favorendo un ritorno del bel tempo sulle regioni centro-settentrionali. Tuttavia, continuano a fluire sulle regioni meridionali correnti più fresche provenienti dai quadranti nordorientali, che garantiscono invece in questi settori la persistenza dell’instabilità, soprattutto pomeridiana. E’ infatti nel corso di questo pomeriggio, che si sono scatenati violenti temporali che in alcuni casi hanno raggiunto addirittura le coste

    Tromba d’aria a Cefalù, in Sicilia

    Come scritto in precedenza, persiste sulle regioni meridionali un vortice depressionario che, alimentato dalle correnti nordorientali, favoriscono ancora maltempo con acquazzoni e temporali soprattutto sulle aree del basso versante tirrenico del Paese, in particolare quelle siciliane. E’ li infatti che tra la giornata di ieri e la mattinata di oggi si sono susseguite piogge anche accompagnate occasionalmente da attività elettrica. Malgrado la circolazione depressionaria sia pressoché blanda, non è addirittura mancata nel pomeriggio di ieri una tromba d’aria che ha provocato il panico tra i bagnanti sulle spiagge di Cefalù.

    Situazione sinottica che interesserà l’Italia ancora per qualche giorno

    Tale situazione sinottica interesserà l’Italia ancora per qualche giorno, con la persistenza delle correnti perturbate in arrivo dai quadranti nordorientali sulle regioni meridionali e gli effetti anticiclonici predominanti invece al centro-nord. L’estate dunque ci prova, ma non riesce più ad ingranare la marcia come aveva fatto la settimana scorsa, in maniera anche fin troppo eccessiva. Il break ha fatto probabilmente sì di indebolire in maniera determinante la struttura dell’Anticiclone che ora non riesce più a proteggere interamente il territorio nazionale: quando nella prossima settimana infatti recupererà parzialmente anche al sud, qualche disturbo coinvolgerà il settentrione a causa di un ulteriore abbassamento del flusso atlantico.

  • Si prepara il break di ferragosto

    Per quanto riguarda il proseguo dell’estate, sembra starsi delineando tra i principali centri di calcolo il classico break di ferragosto. Ferragosto è da sempre la giornata che sembra essere presa in considerazione dalla maggior parte delle persone come linea di demarcazione che divide la stagione estiva in forma e quella ormai calante, in fase di invecchiamento. Sembra che quest’anno possa dare una simile idea anche nei fatti, come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • Nel mirino del maltempo il centro-nord, ma calo sensibile in tutto il Paese

    Stando alle attuali proiezioni modellistiche dei principali centri di calcolo per la giornata di ferragosto sembra transitare un cavo perturbato di origine atlantica che affonderebbe sulle regioni centro-settentrionali del Paese, determinando un’ondata di violento maltempo con temporali e grandinate proprio su questi settori. Il sud sembra momentaneamente esserne tagliato fuori, ma in caso potrà comunque apprezzare un calo delle temperature che diverrà sensibile in tutto lo stivale. Trattandosi di una tendenza a lungo termine, seguiranno aggiornamenti che vi invitiamo pertanto a seguire sul nostro sito.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: