Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 10 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ATTENZIONE, DURO COLPO all’ESTATE con l’arrivo di NUBIFRAGI e GRANDINATE? Ecco la tendenza

METEO - Dopo un periodo di TIRA e MOLLA dell'ALTA PRESSIONE, va profilandosi un duro colpo all'ESTATE grazie ad un AFFONDO PERTURBATO tra la fine della seconda decade e l'inizio della terza di AGOSTO, tutti i dettagli

Duro colpo all'estate in arrivo per la terza decade?
1 di 3
  • L’estate ci prova in Italia, ma riesce solo parzialmente nel suo intento

    E’ da diversi giorni che la nostra Penisola si ritrova sotto il mirino di un vasto promontorio anticiclonico di matrice afroazzorriana che si estende per buona parte del Mediterraneo occidentale fino ad arrivare sui Paesi europei centrali e puntare la Penisola scandinava. Tale situazione porta un’ondata di generale bel tempo sullo stivale, con valori termoigrometrici piuttosto elevati e sensazione di disagio abbastanza forte su alcune città italiane. L’estate dunque ci prova, ma arranca dal momento che in giro per il Paese sono diversi i nuclei temporaleschi attualmente attivi.

    Affondo perturbato sul Mediterraneo occidentale

    Nelle ultime ore si sta preparando ad affondare una saccatura di origine atlantica sul Mediterraneo occidentale che porterà un’ondata di violento maltempo sulla Penisola iberica che scaccerà via anche (temporaneamente?) il calore accumulato in tutti questi giorni. Va strutturandosi dunque la tipica configurazione ad omega blocking sull’Italia, con le due saccature di maltempo ai bordi dell’Anticiclone (una sulla Penisola iberica, l’altra su quella balcanica) che lo tengono ben saldo sul Mediterraneo centrale. Tuttavia, la presenza dei due affondi ai bordi dell’Alta pressione, recano molti disturbi alla struttura anticiclonica stessa.

    Ferragosto tra (molte) luci e (poche) ombre

    Focalizzarci in un paragrafo su quello che è un affondo perturbato sulla Penisola iberica è di importanza per capire l’evoluzione dei prossimi giorni, volta a peggiorare sulle regioni settentrionali grazie al traslare della suddetta saccatura verso oriente, in direzione cioè del nostro Paese. Tuttavia per Ferragosto va profilandosi un nuovo rinforzo dell’Alta pressione di origine afroazzorriana, che tenderà ad allontanare nuovamente le correnti predette, ma non ad eliminarle del tutto, tanto che qualche disturbo temporalesco interesserà comunque alcuni settori interni dello stivale, relativi soprattutto alle grandi catene montuose.

  • Possibile duro colpo all’estate tra la fine della seconda e l’inizio della terza decade

    Dai principali centri di calcolo sembra profilarsi tra la seconda e la terza decade del mese un duro colpo alla stagione estiva, con l’arrivo di un vero e proprio break di maltempo: mentre il modello americano GFS lo anticipa alla fine della seconda decade, il suo collega inglese ECMWF lo posticipa leggermente di qualche giorno e più precisamente agli inizi della terza decade. I due principali modelli vedono tra l’altro un’evoluzione differente tra loro, entriamo nel dettaglio.

  • GFS, temporali su tutta Italia, ECMWF pro nord

    Il modello americano GFS non solo vedrebbe l’Italia coinvolta da un affondo perturbato per il finire della seconda decade, ma i temporali che ne scaturirebbero interesserebbero interamente la nostra Penisola da nord a sud. Più cauto invece il modello inglese ECMWF, che vedrebbe l’affondo interessare le sole aree settentrionali e al più parzialmente quelle centrali. Entrambi sembrano comunque delinearsi verso un’ondata di nubifragi e grandinate, ma non è ancora chiaro con precisione quando colpirà e quali zone. Seguiranno pertanto aggiornamenti che vi invitiamo a seguire sul nostro sito.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: