Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 30 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – AUTUNNO ARREMBANTE, nuovo AFFONDO PERTURBATO con forte MALTEMPO e CROLLO TERMICO in arrivo, i dettagli

METEO - AUTUNNO ARREMBANTE prova a tornare PROTAGONISTA sullo scenario del Mediterraneo centrale: nuovo AFFONDO PERTURBATO con forte MALTEMPO e CROLLO TERMICO in arrivo, ecco tutti i dettagli

METEO – AUTUNNO ARREMBANTE, nuovo AFFONDO PERTURBATO con forte MALTEMPO e CROLLO TERMICO in arrivo, i dettagli
Torna il maltempo ad inizio prossima settimana.
1 di 3
  • Esauriti gli effetti del fronte perturbato tra venerdì e sabato

    Si sono definitivamente esauriti gli effetti portati da un cavo atlantico in transito sul Mediterraneo centrale che tra la giornata di venerdì e quella di sabato ha portato la formazione di un fronte perturbato che ha praticamente investito l’intero territorio nazionale. Questo fronte perturbato, per quanto non abbia presentato chissà quali eccessi di maltempo, ha comunque portato fenomeni localmente intensi soprattutto sulle regioni centrali: in Toscana infatti si sono registrati alcuni disagi relativi agli allagamenti che il rovescio della notte di ieri ha portato nella città di Arezzo, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

    Miglioramento di oggi sarà solo momentaneo

    Le condizioni meteo dunque appaiono oggi in miglioramento sulla nostra Penisola, malgrado persistano cieli piuttosto nuvolosi, soprattutto lungo il versante occidentale. Infatti, la campana anticiclonica che ha quest’oggi recuperato sul Mediterraneo centrale, è messa già a dura prova dalla progressione di una saccatura di origine nordatlantica che punta proprio la nostra Penisola. L’Alta pressione è destinata soccombere alla forza dell’ennesimo affondo perturbato, con i primi cedimenti già evidenti nel corso di questa sera quando saranno possibili i primi piovaschi sulla Liguria.

    Affondo perturbato, forti piogge e temporali in Italia

    La saccatura di origine nordatlantica affonderà in maniera incisiva e determinante sul Mediterraneo centrale e porterà effetti molto più evidenti nella giornata di domani lunedì 26 ottobre, quando il maltempo imperverserà sulle regioni settentrionali con rischio nubifragi sui settori alpini e subalpini (in particolare della Lombardia). Fenomeni saranno pressoché persistenti per buona parte di domani a causa della ventilazione di scirocco che peraltro porterà la neve a cadere a quote stellari e oltre i 2000 metri, stando ai principali centri di calcolo. In pianura si apprezzerà un generale calo termico entro la metà della prossima settimana su tutta Italia, con il fronte di maltempo in successiva estensione, come vedremo nel prossimo paragrafo, su tutto i settori nazionali.

  • Maltempo su tutta Italia entro mercoledì, più colpiti i settori tirrenici

    Il fronte di maltempo a partire dalla giornata di domani lunedì 26 ottobre si sposterà verso meridione gradualmente, andando a colpire dapprima le regioni centrali e poi anche quelle meridionali, con fenomeni talvolta intensi soprattutto lungo i settori tirrenici, dove localmente vi sarà rischio nubifragi. Entro la giornata di mercoledì 28 ottobre dunque tutti i settori italiani verranno colpiti, prima di un nuovo miglioramento.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: