Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 27 Maggio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – BRACCIO di FERRO tra l’ALTA PRESSIONE e una GOCCIA FREDDA, arrivano i TEMPORALI, ecco quando

METEO - Braccio di FERRO tra l'ALTA PRESSIONE e una GOCCIA FREDDA tra fine MAGGIO e inizio GIUGNO, l'ESTATE parte col freno a mano tirato, i dettagli

Temporale, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Tempo in peggioramento in queste ore sulle regioni settentrionali

    Nel corso degli ultimi minuti e della seconda parte di questo pomeriggio, le condizioni meteo su alcune zone delle regioni settentrionali stanno visibilmente peggiorando, questo a causa dell’arretramento dell’Alta pressione di matrice azzorriana dovuto ad un rapido affondo di un blando cavo d’onda di matrice atlantica che lambirà appunto il nord Italia. Piogge e temporali stanno già interessando diverse aree del Piemonte e della Valle d’Aosta e nelle prossime ore si sposteranno sulle aree più orientali, dove non sono esclusi dei nubifragi, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

    Bel tempo e clima gradevole in tutto il centro-sud

    Il resto delle regioni centro-meridionali invece rimangono e rimarranno protette dalle correnti anticicloniche di matrice azzorriana, che ancora una volta, anche nelle prossime ore, assicureranno bel tempo generale in questi settori accompagnati da cielo sereno o al più poco nuvoloso e clima tipico della primavera italiana vecchio stampo: le temperature infatti risultano e risulteranno piuttosto miti, ma senza troppi eccessi. Inoltre in alcune zone si potrà godere di una ventilazione piacevole, che riguarda e riguarderà in particolar modo la fascia costiera, ma anche le cime dei rilievi in generale.

    Arriva il maltempo nella seconda metà della prossima settimana

    Nella prossima settimana si assisterà ad una specie di remake di quanto avvenuto nel corso della settimana attuale, ma al contrario: la prima parte infatti risulterà piuttosto stabile grazie alla prevalenza dell’Alta pressione di origine azzorriana in pieno controllo del nostro Paese, mentre a partire dalla seconda metà della prossima settimana l’instabilità tornerà a caratterizzare buona parte del territorio nazionale italiano questa volta: in particolare si assisterà a livello sinottico ad una lotta tra l’Alta pressione azzorriana stessa e una goccia fredda che interesserà invece l’aria balcanica principalmente.

  • Circolazione secondaria da est, temporali termoconvettivi?

    L’Italia sarà dunque nel limbo e continua spettatrice della lotta tra queste due figure bariche che si protrarrà almeno fino ai primi giorni di giugno. Ciò porterà una circolazione secondaria sulla nostra Penisola di aria instabile proveniente dai quadranti orientali, responsabile della formazione di temporali termoconvettivi anche intensi che colpiscono generalmente i settori interni del Paese e che vengono generalmente accompagnati da un calo termico anche sensibile.

  • Possibile coinvolgimento anche dei settori costieri e immediato entroterra?

    L’ingerenza di correnti instabili prevista attualmente dalle ultime emissioni dei principali centri di calcolo per gli ultimi giorni di maggio e i primi giorni di giugno sembra essere davvero invadente, tanto da favorire un potenziale sconfinamento dei temporali termoconvettivi in formazione dall’Appennino fin verso l’immediato entroterra e le coste. Tale evoluzione dovrà però essere confermata nei prossimi giorni e nei prossimi aggiornamenti, che vi invitiamo a seguire sul nostro sito.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: