Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – CAMBIO in arrivo, SUPER FIAMMATA AFRICANA alle porte dell’ITALIA: TEMPERATURE fino a +38°C, ecco dove

METEO - La fase di persistente MALTEMPO che ha caratterizzato tutta questa settimana l'ITALIA sta per giungere al termine: torna il CALDO AFRICANO, ma non mancherà qualche disturbo all'estremo nord, come vedremo

Caldo nei prossimi giorni con massime fino a +35°C
1 di 3
  • Temporali pomeridiani al centro-sud

    Nella giornata odierna sono ancora evidenti sull’Italia gli effetti portati da un abbassamento dell’area geopotenziale alla quota di 500hPa ad opera di una goccia fredda presente sull’Europa centro-orientale mediante la formazione di temporali pomeridiani che stanno colpendo principalmente le zone interne delle Isole Maggiori e l’Appennino centro-meridionale. La fase perturbata di questo pomeriggio ha seguito una mattinata anch’essa piuttosto disturbata dal transito di rapidi acquazzoni che hanno interessato però nella fattispecie soprattutto i settori costieri del centro-sud, in special modo quelli adriatici.

    Residuo maltempo al nordest

    Contestualmente alla formazione di temporali termoconvettivi sulle zone interne delle regioni centro-meridionali, Isole Maggiori comprese, residua instabilità è possibile riscontrarla anche sulle regioni nordorientali e in particolare sul Friuli Venezia Giulia dove insiste qualche acquazzone sparso, ma comunque in miglioramento nel corso delle prossime ore. Questo sempre a causa dello scorrimento di correnti più umide e fresche provenienti dai quadranti nordorientali. Le temperature infatti, risultano decisamente fresche soprattutto se relazionate al periodo che stiamo attraversando, attestandosi su valori anche inferiori alla media del periodo.

    Ondata di caldo africano a partire da lunedì

    A partire già da domani domenica 19 luglio la goccia fredda inizierà ad allontanarsi dalla nostra Penisola dirigendosi verso il settore balcanico e i Paesi europei più orientali, con residua instabilità sulla Calabria e sulla Sicilia jonica per la prima metà di giornata, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale. Da lunedì si verificherà il definitivo abbandono delle correnti atlantiche in favore di una nuova rimonta anticiclonica di matrice africana, che riporterà condizioni di caldo intenso in Italia, sebbene non mancheranno disturbi temporaleschi come vedremo nei successivi paragrafi.

  • Picchi fino a +37/+38°C in Pianura Padana e nelle pianure interne del foggiano

    L’Alta pressione avvolgerà la stragrande maggioranza della nostra Penisola, portando nuovamente caldo opprimente che durerà però qualche giorno. Peraltro non sarà nemmeno in grado di portare condizioni meteo di stabilità ovunque sullo stivale, come vedremo nel prossimo paragrafo. Ma sarà in grado di far schizzare nuovamente le colonnine di mercurio fino a +37/+38°C soprattutto in Pianura Padana e nelle pianure interne del foggiano nelle giornate di martedì e mercoledì

  • Temporali sull’estremo nord Italia

    A partire soprattutto da martedì 21 luglio lo scorrimento su latitudini piuttosto basse delle correnti più umide e fresche di matrice atlantica torneranno a portare effetti a partire dalle zone sull’estremo nordest Italia (in particolare Alto Adige e bellunese) in estensione nei giorni successivi anche sulle aree più settentrionali delle rimanenti regioni del nord. L’Anticiclone africano è dunque destinato a tornare in Italia, ma ancora una volta il flusso atlantico darà più di qualche grattacapo.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: