Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 27 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Clima PAZZO, a GIUGNO arriva l’ARTICO: TEMPORALI e CROLLO TERMICO, i dettagli

METEO - L'ESTATE parte col freno a mano tirato: a GIUGNO ad arrivare è addirittura l'ARTICO con forti TEMPORALI e CROLLO TERMICO, ecco tutti i dettagli

Maltempo in arrivo a giugno.
1 di 3
  • Fase piuttosto stabile in Italia questa degli ultimi giorni

    In queste ore e nei giorni scorsi la nostra Penisola sta vivendo una fase di maggior stabilità con cieli in prevalenza soleggiati o poco nuvolosi, salvo qualche eccezione che si ritrova soprattutto nel corso del pomeriggio lungo la dorsale appenninica e le zone interne in generale grazie alla cumulogenesi che non arriva però a sviluppare temporali sul territorio nazionale. La cumulogenesi è data dalla presenza delle correnti instabili e più fresche che stanno in questo momento interessando la Penisola balcanica e che in un contesto anticiclonico nel quale l’Italia si trova avvolta, favorisce un elevato gradiente termico verticale in grado di favorire i moti ascensionali, necessari alla formazione dei temporali. A rovinare tutto è però uno strato di inversione atmosferica (CIN) che inibisce i predetti moti convettivi.

    Domani nessun evidente cambiamento

    Nella giornata di domani giovedì 28 maggio stando ai principali centri di calcolo non si osserverà alcuna variazione evidente dal quadro sinottico, se non un progressivo e ulteriore spostamento della saccatura di maltempo sulla Penisola balcanica verso occidente, in direzione cioè del nostro Paese. Ciò non mancherà ovviamente di apportare qualche effetto minimo sull’Italia, con l’arrivo di qualche nota stonata di maltempo nel corso del pomeriggio sulle zone relative alle Alpi e alle Prealpi marittime (dunque al settore alpino del basso cuneese). I fenomeni saranno comunque di debole o al più moderata intensità, capaci di apportare al suolo accumuli altrettanto scarsi.

    Da venerdì ondata di maltempo più diffusa

    A partire dalla giornata di venerdì 29 maggio le condizioni meteo sul nostro Paese tenderanno ad un visibile peggioramento soprattutto lungo le regioni centro-meridionali, nonché laddove i fenomeni non solo risulteranno generalmente più intensi, ma anche più diffusi. Questo grazie ad una maggior ingerenza delle correnti instabili e più fresche che in questo momento stanno colpendo la Penisola balcanica sul Mediterraneo centrale, con le piogge, temporali ed anche grandinate che saranno accompagnate da un calo termico tanto più sensibile quanto più intense saranno le precipitazioni. Sul dettaglio previsionale abbiamo però approfondito maggiormente all’interno di un apposito editoriale.

  • A giugno novità artiche in arrivo?

    Il mese di giugno per i primissimi giorni probabilmente inizierà anche con il piede giusto, con tempo in prevalenza stabile nonostante comunque non mancherà qualche nota di maltempo sull’Italia, ma subito dopo delle clamorose novità potrebbero giungere sulla nostra Penisola: una saccatura che parte direttamente dalla Groenlandia compierebbe la sua discesa verso il continente europeo puntando proprio lo stivale.

  • Forte maltempo e crollo termico, nevicate a bassa quota in Europa?

    L’Europa potrebbe piombare nel mese di marzo, mentre l’Italia potrebbe commentare una situazione di forte maltempo accompagnato da un forte crollo delle temperature ed un possibile ritorno della neve sulle Alpi, quest’ultima ipotesi in particolare è da confermare nei prossimi giorni. Questa volta piogge, temporali e anche grandinate potrebbero interessare in particolar modo le regioni centro-settentrionali, con quelle meridionali più al riparo dalle suddette correnti. Seguiranno aggiornamenti al riguardo, che vi invitiamo pertanto a seguire sul nostro sito.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: