Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 11 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ESTATE KO, settimana di TEMPORALI e ACQUAZZONI, con TEMPERATURE anche SOTTO MEDIA

METEO - L'ANTICICLONE non riesce più a riprendere le redini del Paese e favorisce l'ingresso di CORRENTI ATLANTICHE in ITALIA con frequenti TEMPORALI e ACQUAZZONI con TEMPERATURE spesso SOTTO MEDIA anche laddove il MALTEMPO non colpisce

Settimana di temporali
1 di 3
  • Estate dove sei?

    E’ qualche giorno e precisamente dalla giornata di venerdì 10 luglio che le condizioni meteo sul nostro Paese appaiono piuttosto perturbate in alcune zone: dopo il rapido affondo del cavo atlantico che ha impegnato buona parte del settentrione per venerdì e tutto sabato 11, quando si è anche verificata una tromba d’aria in Lombardia, l’Anticiclone è riuscito solo temporaneamente a riprendere le redini del Paese, assicurando totale stabilità salvo per locali eccezioni nella giornata di domenica 12. Successivamente e grazie ad un flusso atlantico sempre più pronunciato verso l’Europa, le correnti atlantiche hanno ingaggiato una specie di braccio di ferro con l’Alta pressione in Italia, determinando l’ingresso di aria più fresca.

    Maltempo sulle Alpi occidentali e sulla Sicilia meridionale

    L’ingresso delle correnti più fresche e instabili di matrice atlantica determinano oltre che un contenimento generale delle temperature che quest’oggi misurano valori allineati alla media del periodo o spesso anche al di sotto, anche lo sviluppo di temporali e acquazzoni intensi che riguardano nella fattispecie di questo pomeriggio e negli ultimi minuti le Alpi occidentali (quelle piemontesi) e la Sicilia meridionale, ancor più nello specifico ragusano e siracusano. Nelle prossime ore in queste zone è previsto un miglioramento graduale delle condizioni meteo, in favore di un peggioramento che si riscontrerà con tutta probabilità sull’Alto Adige.

    Situazione di stallo, l’Italia nel limbo tra l’Alta pressione e le correnti atlantiche

    Ci troviamo dunque in una situazione di stallo e di continua battaglia tra le due principali figure bariche estive del Mediterraneo, ovvero tra l’Alta pressione e il flusso atlantico. Le continue ondulazioni della corrente a getto provocheranno effetti diversi sul territorio nazionale dipendentemente dai giorni di riferimento. Una cosa è però certa: la scorsa settimana si era assistito ad una fase durata qualche giorno di totale bel tempo sullo stivale. Tutto ciò non si ripeterà sicuramente nel corso di questa settimana, che oltre ad essere più perturbata né risulterà anche decisamente più fresca anche laddove il maltempo non colpirà, stando ai principali centri di calcolo.

  • In un primo momento interessati principalmente nord Italia e Sicilia

    Dunque in questa prima parte di settimana e anche per la giornata di domani mercoledì 15 luglio le condizioni meteo risulteranno piuttosto perturbate soprattutto lungo l’arco alpino italiano e dunque sulle zone all’estremo nord Italia, ma anche sulla Sicilia meridionale, nelle aree cioè già colpite intensamente nel corso della giornata odierna. Successivamente l’evoluzione potrebbe interessare anche le regioni centrali come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • Venerdì: maltempo colpisce anche il centro

    Nella giornata di venerdì 17 luglio come accennato in precedenza, le condizioni meteo potrebbero peggiorare anche sulle regioni centrali, in particolare su quelle del medio versante adriatico, ma non è escluso che qualche temporale possa interessare anche le regioni della sponda opposta, quella tirrenica. Tutto ciò si inserirebbe in un contesto di temperature comunque sotto la media del periodo o al più allineate alla stessa, con l’estate dunque che pare già arrancare quando siamo appena alla metà di luglio.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: