Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ESTATE SPIETATA, aria ROVENTE in ITALIA con TEMPERATURE fino a +40°C, ecco quando e dove

METEO - L'ESTATE è SPIETATA, le colonnine di mercurio nei prossimi giorni raggiungeranno e supereranno localmente i +40°C in ITALIA, ecco tutti i dettagli

Super caldo in Italia nei prossimi giorni.
1 di 3
  • Aria molto calda in risalita dal nord Africa

    Come avevamo spesso annunciato nel corso dei giorni trascorsi, l’Italia questa settimana avrebbe attraversato una fase decisamente più stabile e soleggiata rispetto a quella passata che è stata invece particolarmente perturbata a causa dell’ingerenza atlantica con nubifragi che hanno peraltro provocato l’esondazione del fiume Seveso a Milano. Un robusto campo di Alta pressione alimentato dunque da correnti roventi provenienti dall’area sub-tropicale interessa la nostra Penisola già da un paio di giorni, con temperature che risultano in progressivo aumento soprattutto sulle regioni centro-meridionali.

    Temporali sull’estremo nord Italia

    In un contesto sinottico che vede l’Italia essere avvolta nella sua stragrande maggioranza dall’Alta pressione di matrice africana, va detto che poco più a nord delle Alpi continuano a scorrere correnti più fresche e umide di origine atlantica responsabili ancora di qualche disturbo temporalesco anche sulla nostra Penisola. In particolare, temporali isolati o a carattere sparso e talvolta intensi interesseranno le zone più settentrionali del Paese, dove è valida per oggi anche un’allerta meteo diramata nella giornata di ieri dal Dipartimento di Protezione Civile. Le temperature risultano comunque abbastanza alte, in calo laddove il maltempo colpisce più direttamente.

    I prossimi giorni saranno ancora più caldi

    Se già da oggi accusate del disagio a sopportare l’ondata di calore in atto sull’Italia, non arrivano buone notizie dai principali centri di calcolo, secondo i quali i prossimi 3 giorni saranno più caldi di quello odierno. La giornata più calda più precisamente sarà quella di venerdì 31 luglio, quando le colonnine di mercurio in alcune zone del Paese e in particolare nelle pianure interne del Lazio, dell’Umbria, del foggiano e della Sardegna potranno raggiungere e superare i +40°C, con picchi fino a +41/+42°C. Altre zone del Paese avranno a che fare con valori fino a +40°C come il materano e localmente le pianure interne di Sicilia e Calabria.

  • L’Estate fa sul serio

    Dopo un periodo durato praticamente oltre un mese e mezzo (da quando è dunque iniziata) l’estate sembra volersi prendere la sua rivincita in questa seconda parte della stagione. Nonostante questo però, l’Alta pressione come scritto in precedenza non si mostra ancora così imperturbabile tanto che le aree più settentrionali del Paese rimarranno ancora esposte agli effetti delle correnti atlantiche in scorrimento sull’Europa centrale.

  • Caldo sarà afoso

    In aggiunta alle temperature che già di per loro risultano piuttosto elevate in alcune zone del Paese, va detto che i settori costieri saranno quelli che registreranno le temperature più “fresche” anche grazie alla ventilazione di brezza marina che li interesserà. Tuttavia, più saranno basse le temperature, più alto sarà il valore dell’umidità relativa: la città di Anzio ad esempio, in provincia di Roma, ha registrato oggi “solo” +28°C ma con oltre l’80% di umidità, con caldo molto afoso e sensazione di disagio fisico molto accentuata.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: