Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 6 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – EVACUAZIONI in corso nel Monte Bianco, ALLERTA CROLLO per un GHIACCIAIO in scioglimento, tutti i dettagli

METEO - Il Sindaco di Courmayeur firma ordinanza di evacuazione per una settantina di persone in Val Ferret, a causa di un ghiacciaio in distaccamento per il suo scioglimento, Fabrizio Troilo (un glaciologo): "Rischio crollo istantaneo"

Ghiacciaio, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • L’ondata di maltempo è scivolata verso est, ma…

    L’ondata di maltempo che ha investito l’Italia nei passati giorni è ormai scivolata verso oriente posizionandosi oggi tra la Penisola balcanica quella turca. Ciò ha determinato un netto miglioramento delle condizioni meteo sulle regioni centro-settentrionali, grazie anche ad una nuova spinta posta in atto dall’Alta pressione di matrice afroazzorriana che assicura cieli pressoché sereni o al più poco nuvolosi su tali settori. Tuttavia occorre fare attenzione, poiché l’Anticiclone in questione verrà spesso disturbato proprio dalla presenza delle correnti di maltempo tra i balcani e la Penisola turca, come vedremo nel prossimo paragrafo.

    Disturbi temporaleschi al sud

    Nella giornata odierna infatti le condizioni meteo appaiono piuttosto perturbate sulle regioni meridionali. Questo poiché la presenza di una goccia fredda sull’Europa orientale favorisce l’ingresso di correnti più fresche e instabili dai quadranti nordorientali su tali settori, a loro volta causa della formazione di temporali talvolta anche violenti e accompagnati occasionalmente da grandinate, come abbiamo annunciato all’interno di un apposito editoriale. Nei prossimi giorni, la situazione non è prevista cambiare più di tanto, con i disturbi di maltempo che recheranno fastidio all’Anticiclone fino ad almeno il prossimo fine settimana.

    Non basta la neve dei passati giorni per far respirare i ghiacciai

    L’ondata di maltempo che ha appena transitato sull’Italia ha portato anche ad un crollo delle temperature particolarmente sensibile anche in quota, dove le nevicate si sono segnalate fino ad una quota di 2500/2600 metri, con intensi fenomeni anche sullo Stelvio, dove hanno raggiunto accumuli anche prossimi al mezzo metro di neve. Ciò non è bastato come vedremo per far rifiatare alcuni ghiacciai che notoriamente resistono anche all’estate e che sono stati messi a dura prova dalla tremenda canicola nella quale è rimasta avvolta la nostra Penisola nel corso della passata settimana.

  • Preoccupa il ghiacciaio di Planpincieux, in scioglimento: il Sindaco di Courmayeur firma ordinanza di evacuazione per una settantina di residenti

    Stando a quanto riporta il sito “fanpage.it” sarebbe di oggi la notizia che il Sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi abbia firmato un’ordinanza che prevede l’evacuazione di una settantina di persone nella Val Ferret, nonché sul versante italiano del Monte Bianco: qui infatti preoccupa la situazione relativa al ghiacciaio di Planpincieux dove il suo scioglimento potrebbe causare il “crollo istantaneo” di una porzione di ghiacciaio secondo il glaciologo Fabrizio Troilo. Tutte le strade di accesso sono state chiuse.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: