Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 27 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forte MALTEMPO e CROLLO TERMICO: l’ESTATE può aspettare, arriva direttamente l’AUTUNNO, i dettagli

METEO - Forte MALTEMPO per gli esordi di GIUGNO con CROLLO TERMICO, dalla PRIMAVERA all'AUTUNNO. L'ESTATE? In vacanza ancor prima di iniziare, i dettagli

Shelf cloud, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Ultimi giorni in prevalenza della stabilità in Italia

    Negli ultimi due giorni la nostra Penisola sta vivendo una fase di prevalente stabilità, maggiormente evidente e più duratura sulle regioni centro-meridionali grazie alla presenza dell’Alta pressione di matrice azzorriana sul Mediterraneo centro-occidentale. Tuttavia, qualche disturbo temporalesco estremamente localizzato è stato possibile riscontrarlo nel corso di questo pomeriggio sulle regioni nordorientali, in particolare in alcune aree di Veneto e Friuli Venezia Giulia, grazie all’intrusione di correnti instabili e più fresche in arrivo dalla Penisola balcanica. I fenomeni, seppur localizzati, appaiono ove colpiscono comunque decisamente intensi e a tratti a carattere di nubifragio.

    Prossimi giorni con qualche temporale localizzato

    Con la sempre maggior ingerenza di queste correnti instabili provenienti dai settori orientali, nei prossimi giorni le condizioni meteo di stabilità inizieranno leggermente a vacillare sulla nostra Penisola, per quanto riguarda in special modo le giornate di domani mercoledì 27 e dopodomani giovedì 28 maggio. E’ in queste giornate infatti che si potrà notare lo sviluppo di qualche locale o isolato temporale termoconvettivo lungo la dorsale appenninica, che colpirà in maniera estremamente localizzata tale settore con fenomeni talvolta però piuttosto intensi. Altrove rimarrà stabile e asciutto in un contesto comunque di cieli in prevalenza soleggiati o poco nuvolosi.

    Da venerdì si cambia registro con maltempo più diffuso

    Maltempo a oltranza in Italia da venerdì?

    E’ dalla giornata di venerdì 29 maggio che le correnti suddette di maltempo si faranno sempre più invadenti sul Mediterraneo centrale, tanto da portare in Italia una vera e propria ondata di instabilità nonostante l’assenza di un minimo depressionario. I momenti più instabili dal weekend e di venerdì stesso saranno quelli relativi al pomeriggio, anche se dai principali centri di calcolo emerge che piogge e temporali potrebbero proseguire a coinvolgere molte aree italiane anche nel corso della serata. Il maltempo verrà accompagnato anche da un crollo delle temperature, che sarà tanto più netto quanto più intensi sono i fenomeni che coinvolgono le zone interessate.

  • Maltempo a oltranza in Italia

    Come abbiamo scritto dunque nel corso del precedente paragrafo, da venerdì 29 maggio le condizioni meteo peggioreranno in maniera evidente in tutto il Paese e questo per tutto il prossimo weekend. Tuttavia, l’instabilità potrebbe interessare ad oltranza lo stivale, grazie alla persistenza e all’affondo delle correnti di maltempo che mantengono l’Italia nel mirino. Giugno potrebbe infatti iniziare addirittura con aria artica, come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • Ruggito artico per gli inizi di giugno?

    Stando alle ultimissime emissioni del pomeriggio di uno tra i principali centri di calcolo, quello americano GFS, sembrerebbe che per l’inizio del mese di giugno si profili un attacco di aria artica in direzione proprio della nostra Penisola. Tale ipotesi è supportata solo parzialmente dal modello fisico-matematico inglese ECMWF, che vedrebbe invece la saccatura scivolare sulla Penisola balcanica. In caso venisse confermato però lo scenario di GFS, in Italia non solo si godrebbe di forte maltempo con possibili grandinate e violenti temporali, ma si manifesterebbero anche condizioni climatiche pienamente autunnali, con l’estate in vacanza ancor prima di iniziare.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: