Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forte NUBIFRAGIO sferza Palermo: diversi i DISAGI e gli ALLAGAMENTI, ecco tutti i dettagli

METEO - Forte NUBIFRAGIO con attività TEMPORALESCA associata si abbatte sulla città di Palermo: diversi DISAGI e ALLAGAMENTI, ecco tutti i dettagli

Allagamenti, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Goccia fredda in azione nel Mediterraneo

    E’ da alcuni giorni che una goccia fredda sta portando i suoi effetti all’interno del Mediterraneo: mentre però inizialmente e più precisamente ad inizio settimana gli acquazzoni, i temporali e talvolta anche i nubifragi interessavano le zone occidentali del mare nostrum (laddove si era posizionata d’altronde), negli ultimi giorni il vortice ciclonico si è spostato verso oriente avvicinandosi alla nostra Penisola e provocando condizioni di spiccato maltempo in alcune aree italiane, Sardegna in primis. Nella giornata di oggi, come vedremo, l’instabilità si è ulteriormente diffusa sull’Italia, con un’allerta meteo vigente del Dipartimento di Protezione Civile.

    Violenti temporali colpiscono anche la Sicilia tirrenica. Instabilità sul Lazio in mattinata

    Nella giornata di oggi l’avvicinamento del vortice ciclonico precedentemente menzionato sta portando condizioni di più diffuso maltempo sulla nostra Penisola che in ogni modo riguardano maggiormente le Isole Maggiori. Violenti temporali hanno infatti colpito e stanno tutt’ora colpendo il versante tirrenico della Sicilia, dove come vedremo si presentano alcuni disagi. Un sistema temporalesco si è però formato in mattinata anche al largo delle coste laziali, colpendo parte della zona pontina e spegnendosi in breve tempo sulle aree sub-costiere. Per sapere i dettagli sulle previsioni meteo delle prossime ore, consultate il nostro editoriale pomeridiano.

    Violento nubifragio colpisce Palermo, torna la paura

    Come accennato in precedenza dunque, l’azione del vortice ciclonico all’interno del Mediterraneo si fa notare soprattutto sulle due Isole Maggiori, colpendo in particolar modo il versante tirrenico della Sicilia. Duramente colpita risulterebbe la città di Palermo, dove è riecheggiata tra i cittadini la paura relativa all’alluvione che colpì il capoluogo siciliano solamente quest’estate. Fortunatamente però e come vedremo nel prossimo paragrafo, i danni e i disagi che ne sono derivati questa volta nulla hanno a che vedere con quel nefasto episodio, in cui caddero a terra oltre 100 millimetri nel giro di un brevissimo lasso di tempo.

  • Diversi disagi e allagamenti, tombini esplosi

    Stando a quanto si apprende dal sito locale “ilsicilia.it” il nubifragio che ha colpito Palermo non ha mancato di portare diversi disagi dati soprattutto da alcuni allagamenti, con fiumi d’acqua che hanno rivestito alcune strade. Alcuni tombini sono addirittura esplosi, ma non si registrano danni particolari oltre questo. Dopo inizialmente aver deciso per la chiusura dei sottopassi nell’area della Circonvallazione (la zona dove si registrò la situazione più critica nell’episodio dell’alluvione), la Protezione Civile li ha successivamente riaperti valutando che vi erano adeguate condizioni di sicurezza.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: