Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 9 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forti TEMPORALI in formazione in ITALIA, ecco le ZONE COLPITE nelle PROSSIME ORE

METEO - Forti TEMPORALI in formazione colpiranno alcune zone del centro entro il tardo pomeriggio, miglioramento a seguire dalla prima serata

Temporale, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Ieri nord Italia bersagliato dal maltempo

    Nella giornata di ieri il transito di un rapido cavo atlantico sul nord Italia ha provocato un’ondata di duro maltempo per l’appunto sulle regioni settentrionali, dove fin dalla mattina si sono susseguiti nubifragi e occasionali grandinate. Come spesso accade negli ultimi tempi purtroppo, anche questa volta l’instabilità ha lasciato il segno sul nostro Paese: sono infatti stati diversi i danni e i disagi segnalati soprattutto in Lombardia a causa di una tromba d’aria che ha coinvolto vari edifici. Tale fase perturbata ha spezzato un predominio anticiclonico che ha caratterizzato buona parte della settimana ormai agli sgoccioli.

    Condizioni meteo migliori oggi, tempo in prevalenza stabile sulla nostra Penisola

    Nella giornata odierna il cavo perturbato che ha provocato la forte ondata di maltempo piuttosto evidente su buona parte del nord Italia ieri, è traslata rapidamente verso sudest, interessando quest’oggi principalmente il settore balcanico. Tuttavia la presenza di correnti più fresche e instabili in sede balcanica causano una circolazione secondaria debolmente instabile in Italia che, oltre a determinare un calo delle temperature piuttosto sensibile soprattutto lungo il versante adriatico.  è causa della formazione di alcuni temporali pomeridiani che stanno in questo momento colpendo alcuni settori del Paese, vediamo quali.

    Convezione sull’Appennino Lazio-Abruzzese

    Satellite e radar meteorologico alla mano sembrerebbe che gli effetti di questa blanda circolazione secondaria instabile sull’Italia siano evidenti solamente sul settore centrale dell’Appennino e ancor più precisamente quello relativo al Lazio-Abruzzese. Varie celle temporalesche si stanno generando e stanno colpendo principalmente l’aquilano e il reatino, mentre sul resto del Paese le condizioni meteo risultano generalmente migliori grazie alla nuova spinta dell’Anticiclone afroazzorriano dai quadranti sudoccidentali. Tuttavia, stando ai principali centri di calcolo, temporali continueranno a generarsi nelle prossime ore colpendo anche zone diverse, come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • Nelle prossime ore l’instabilità si sposterà leggermente verso meridione

    Nel corso delle prossime ore e in particolare quelle relative al tardo pomeriggio o prima serata, la convezione si sposterà leggermente verso meridione, interessando il basso settore Lazio-Abruzzese in modo e maniera che i temporali potranno sconfinare occasionalmente anche sulle pianure ciociare. Il maltempo rimarrà comunque relegato ai settori centrali dell’Appennino, con le condizioni meteo che rimarranno stabili e asciutte altrove, con qualche addensamento sull’arco alpino e sul settore adriatico.

  • Calo termico al nord Italia e settore adriatico, stazionarie o in lieve aumento altrove

    L’azione delle correnti atlantiche sulla Penisola balcanica come scritto in precedenza provocano effetti ancora evidenti sull’Italia, non solo dal punto di vista meteorologico sull’Appennino, ma anche e soprattutto da quello termico: le temperature infatti risultano in calo localmente anche sensibile rispetto a ieri sulle regioni settentrionali e sul settore adriatico, mentre altrove la nuova spinta dell’Anticiclone afroazzorriano tenderà a stabilizzare le temperature se non addirittura a portarle in lieve aumento.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: