Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 19 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Il MEDICANE “Udine” si abbatte sulla Grecia con venti fino a 120km/h, DANNI e DISAGI, VIDEO

METEO - L'URAGANO MEDITERRANEO "UDINE" si è allontanato dalle coste joniche nel pomeriggio di ieri ed è approdato su quelle greche questa notte: venti fino a 120km/h, DANNI e DISAGI, i dettagli

Vento, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Ieri Calabria jonica colpita di striscio da un uragano mediterraneo

    Nei giorni scorsi una depressione mediterranea si è generata poco a nord delle coste nordafricane e, nella sua risalita sulle calde acque del Mediterraneo (le cui temperature superficiali si aggiravano intorno ai +27°C) ha trovato terreno fertile per potersi intensificare. La perturbazione nonostante si trovasse relativamente distante dall’Italia, ha comunque portato condizioni di maltempo spiccato sulla Calabria jonica, dove non solo si sono abbattuti alcuni nubifragi, ma essi sono stati accompagnati anche da intense mareggiate e un rinforzo piuttosto evidente della ventilazione.

    Spostamento dell’uragano verso la Grecia, landfall sull’Isola di Cefalonia alle 3.55

    Successivamente nel corso del pomeriggio la suddetta struttura simil-tropicale che si è poi evoluta ad uragano mediterraneo (la parola “Medicane” deriva dai termini inglesi “Mediterranean Hurricane”) e si è spostata verso oriente in direzione cioè della Penisola ellenica. Nel corso della notte le condizioni meteo sul Peloponneso e sulle sue Isole sono andate peggiorando di ora in ora, fin quando alle ore 3.55 ora italiana ha fatto landfall, ovvero il suo occhio ha toccato terra. Il landfall è avvenuto sull’Isola di Cefalonia dove le raffiche di vento superavano abbondantemente i 100km/h.

    Diversi danni e disagi, occhi puntati sull’uragano

    L’uragano come era facile immaginarsi non ha mancato di apportare danni e disagi. Ciononostante la Grecia si è comunque preparata abbastanza bene ad affrontare quelle che erano condizioni di maltempo estremo, poiché le autorità meteorologiche avevano tenuto d’occhio la perturbazione fin dal primo giorno in cui i principali centri di calcolo ne ipotizzavano l’esistenza. Tuttavia, non è bastato ad evitare i danni e i disagi, ma probabilmente è servito ad evitare delle vittime dato che, stando a ciò che riporta il sito “quotidiano.net” non se ne ha notizia.

  • VIDEO – Si segnala l’assenza di acqua potabile, interrotti i contatti tra le isole e i porti

    Stando a quanto riporta il sito già precedentemente menzionato, in questo momento le Isole joniche della Grecia appaiono isolate, in quanto sono stati interrotti tutti i contatti tra queste e i porti. Si segnala inoltre l’assenza di acqua potabile a causa delle inondazioni che l’arrivo dell’uragano ha portato (con accumuli abbondantemente oltre i 100 millimetri in alcune zone). Si è verificato anche l’abbattimento di diversi alberi ad opera del vento che è arrivato a raggiungere i 120km/h. Momentaneamente, sebbene risulti in attenuazione la potenza della perturbazione simil-tropicale, porta comunque intenso maltempo sulla Penisola ellenica. A testimonianza di quanto scritto fin ora vi riportiamo il video del canale Youtube “Infotainment“.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: