Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 18 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO IMMACOLATA 2020 – Rischio MALTEMPO e NEVE abbondante in montagna, ecco i dettagli

METEO IMMACOLATA 2020 - Rischio MALTEMPO e NEVE abbondante in montagna, fase invernale duratura con l'avvio del mese di dicembre

METEO IMMACOLATA 2020 – Rischio MALTEMPO e NEVE abbondante in montagna, ecco i dettagli
Tendenza a lungo termine.
1 di 3
  • Al via l’inverno meteorologico

    Meteo Immacolata 2020 – Con l’avvio del mese di dicembre, inizierà ufficialmente anche la stagione meteo invernale. Stando agli ultimi aggiornamenti modellistici,  la stagione fredda potrebbe inizierà decisamente forte, con freddo e neve in ingresso anche su parte dell’Italia. L’anticiclone delle Azzorre, infatti, si manterrà defilato sul vicino Atlantico, favorendo l’ingresso sul Mediterraneo centrale di correnti più fredde dal nord Europa. Un primo impulso artico raggiungerà l’Italia tra il 2 ed il 3 dicembre, quando un nucleo instabile in discesa dalla Scandinavia, richiamerà correnti fredde dall’Est Europa verso il Mediterraneo centrale dando il via ad una fase invernale. Ma che tempo ci attende per l’Immacolata? Analizziamo una possibile tendenza meteo nel prossimo paragrafo.

    Meteo Immacolata 2020 a rischio maltempo

    L’affondo freddo previsto per l’avvio del mese di dicembre potrebbe essere solo il primo di una lunga fase perturbata. Gli indici teleconnettivi che influenzano le sorti meteorologiche europee, AO e NAO, sono visti in deciso calo nei prossimi giorni con l’anticiclone delle Azzorre che si manterrà a largo dell’Oceano Atlantico. Una vasta saccatura nord atlantica scivolerà verso l’Europa sudoccidentale, determinando la genesi di una profonda ciclogenesi sul Mediterraneo centro-occidentale tra il 6 ed il 7 dicembre. Una fase d’intenso maltempo raggiungerà in tal caso l’Italia, con piogge e temporali anche intensi che potrebbero caratterizzare anche la giornata dell’Immacolata; infatti non solo il run deterministico, ma anche l’Ensamble di ECMWF confermerebbe una giornata decisamente instabile sull’Italia con neve abbondante fino a quote medie dell’Appennino.

    Arriva la neve a bassa quota

    Come anticipato, con l’avvio del mese di dicembre l’Italia potrebbe vivere un periodo decisamente più invernale dal punto di vista meteorologico. Oltre al maltempo ed al calo delle temperature, tornerà anche la neve ad imbiancare non solo i settori montuosi, ma localmente anche quelli di bassa quota. In particolare tra la fine della giornata di martedì e quella di mercoledì, i fiocchi potranno spingersi fino le quote basso collinari del Piemonte, dell’Emilia e dell’entroterra ligure. A seguire, tra il 3 ed il 4 dicembre,  sarà il turno dell’Umbria, zone interne della Toscana, Marche ed Abruzzo. Per la neve in pianura bisognerà ancora attendere maggiori dettagli nei prossimi giorni, anche se non sono escluse sorprese dato il periodo freddo alle porte.

  • Oggi maltempo sull’Italia, nubifragi in Sardegna

    Dopo aver effettuato una tendenza meteo per la prossima settimana, torniamo a parlare delle condizioni meteorologiche attuali. Il maltempo, infatti, sta interessando con particolare insistenza il sud Italia nell’ultimo periodo; dopo gli episodi alluvionali che hanno interessato la scorsa settimana la Calabria ionica e la Sicilia, oggi è il turno della Sardegna. Piogge e temporali intensi stanno flagellando l’Isola dalla scorsa notte, con accumuli pluviometrici che nell’ogliastra hanno superato i 300 mm dalla mezzanotte. Il maltempo nelle prossime ore traslerà gradualmente verso Levante, raggiungendo il resto del sud Italia entro la giornata di domani.

     

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: