Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 27 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO INVERNO 2020-2021: Grandi manovre europee con rischio FREDDO e NEVE all’orizzonte anche per l’ITALIA; le ultimissime

METEO INVERNO 2020-2021: Grandi manovre europee con rischio FREDDO e NEVE all'orizzonte anche per l'ITALIA; le ultimissime

METEO INVERNO 2020-2021: Grandi manovre europee con rischio FREDDO e NEVE all’orizzonte anche per l’ITALIA; le ultimissime
Meteo Inverno 2020-2021 dinamico anche nella seconda parte?
1 di 3
  • Meteo: Dicembre entra nel vivo, possibile nuova fase fredda

    Meteo Inverno 2020/2021 – Il primo mese invernale si avvia verso la sua ultima decade, dopo un avvio decisamente scoppiettante sull’Italia, con frequenti fasi di maltempo e neve fino le quote di pianura del nord. Il bilancio fino ad ora si può considerare positivo rispetto agli scorsi anni, con la neve che risulta abbondante sulle Alpi e localmente anche sull’Appennino centrale. Nel corso dei prossimi giorni, una nuova ondata fredda riporterà altre nevicate non solo in montagna, ma localmente fin verso i settori medio-basso collinari per l’arrivo di una saccatura artica, tra Natale e Santo Stefano. Con il nuovo anno c’è l’ombra dello Stratwarming con possibili ripercussioni anche sulle dinamiche future dell’Inverno 2020-2021. Vediamo quali potrebbero essere gli scenari per i mesi di gennaio e febbraio.

    Meteo Gennaio, avvio con rischio freddo e neve

    Il riscaldamento in stratosfera, previsto nel corso dei prossimi giorni, potrebbe mischiare inevitabilmente le carte, portando a dinamiche invernali inizialmente non previste dai principali modelli matematici. Infatti, contrariamente a quanto previsto inizialmente, il mese di gennaio potrebbe subire gli effetti dello Stratwarming; il vortice polare potrebbe essere a lungo disturbato, mantenendo una fase della NAO e della AO  ancora a lungo tra il neutro ed il negativo. La prima parte di gennaio sarà quindi altamente probabile a carattere invernale su gran parte dell’Europa, con ondate di freddo e neve che potrebbero raggiungere anche l’Italia. Un possibile nuovo rinforzo del vortice polare potrebbe concretizzarsi sul finire di gennaio, quando il freddo tornerà ad interessare latitudini più settentrionali di quelle italiane.

    Meteo Inverno 2020-2021: ultimo mese più mite?

    Meteo La stagione invernale, contrariamente a quanto accaduto negli ultimi anni, potrebbe giocarsi le sue carte migliori nella prima parte. Infatti tra la fine di gennaio ed il mese di febbraio 2021, il vortice polare potrebbe tornare più compatto, con il flusso zonale atteso in nuovo rinforzo sul Continente europeo. In tal caso il freddo faticherà a scendere di latitudine, seppur non sono escluse brevi incursioni fredde, ma meno intense probabilmente di quanto previsto nelle prossime settimane. Secondo l’ultimo outlook del modello europeo ECMWF, febbraio potrebbe essere nel complesso un mese mite e con scarse precipitazioni, quindi con fasi anticicloniche più frequenti.

  • Irruzione artica per Natale

    Dopo aver fatto una rapida tendenza sulle possibili dinamiche future della stagione invernale, vediamo che tempo attenderci nell’immediato futuro, in particolare per le festività natalizie. Un’avvezione fredda di matrice artica è prevista tra il 25 ed il 26 dicembre sull’Italia, riportando condizioni invernali proprio per le festività di Natale. Il maltempo è atteso su gran parte delle regioni, ma con piogge e temporali più probabili ed intensi al centro, Emilia-Romagna e sud Peninsulare. La neve, inizialmente prevista a quote elevate, scenderà rapidamente fin sotto i 1000 metri, con i fiocchi che potrebbero rendere un bianco Natale i settori basso collinari del medio Adriatico, Umbria e dell’Emilia Romagna.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Festività dal sapore invernale sull’Italia, seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: