Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 18 Marzo
Scarica la nostra app
Segnala

METEO INVERNO 2020-21 – FREDDO e NEVICATE ad oltranza anche a GENNAIO; ecco la tendenza

METEO INVERNO 2020-21 - Il freddo e le nevicate potrebbero proseguire anche dopo la festa del Natale, potrebbe incombere poi una pausa

METEO INVERNO 2020-21 – FREDDO e NEVICATE ad oltranza anche a GENNAIO; ecco la tendenza
Meteo Inverno 2020-21: quale tendenza più probabile per l'Italia?
1 di 3
  • Natale 2020 “coi fiocchi” ecco spiegato perché

    Salve cari lettori del Centro Meteo Italiano! Manca poco all’esordio di questa fase di maltempo che ci accompagnerà durante le festività di Natale. Questo periodo sarà caratterizzato dall’afflusso di correnti più fredde che si andranno a palesare sul nostro territorio dalla giornata di domani, 25 Dicembre 2020. Già dalle ore mattutine di domani inizieranno a calare le temperature, che nei valori minimi specialmente sulle regioni settentrionali si stanzieranno al di sotto dei 6-8°C. Nel corso delle prime ore diurne la neve potrà manifestarsi sulle Alpi centro-orientali intorno agli 800-1000 metri di quota, mentre sull’Appennino Tosco Emiliano sopra i 1200 metri. Nelle ore pomeridiane e in serata si andrà incontro ad un importante calo della quota neve, che potrà stanziarsi tra i 500 e i 700 metri di quota, più in alto sul Tosco Emiliano. Anche il Gennargentu potrà tornare ad imbiancarsi dai 1000 metri di quota.  Nelle ore serali quote neve in diffuso calo, fin verso i 200-400 metri tra Alpi e Appennino settentrionale, e fino a 800-700 metri tra Appennino centrale e Gennargentu. Anche il sud Italia sarà coinvolto dalle nevicate ma dalla giornata di Santo Stefano, in maniera più consistente. Un periodo più perturbato si intravede anche nel seguito grazie ad un importante disturbo a livello troposferico.

    Il 2020 concluderà con altro freddo ed una nuova perturbazione

    E’ prevista una nuova ed importante perturbazione per la fine dell’anno, con un Vortice Polare che risulterà insolitamente disturbato. La statistica vede questo periodo dell’anno come quello più “inquadrato” per ricompattamenti del Vortice Polare, la massa d’aria portatrice di freddo e maltempo nella stagione invernale (e non solo). La tendenza attuale sarebbe molto diversa rispetto alle aspettative, trovando la causa in notevoli scambi meridiani: dando uno sguardo alle cartine emisferiche si può osservare un innalzamento della wave 2 (anticiclone Azzorriano) che dall’Oceano Atlantico verso il termine di questo fine settimana si andrebbe ad ergere raggiungendo la Groenlandia. Le possibilità di un disturbo del VP verso la Groenlandia, favorirebbe un’importante discesa di freddo e maltempo, trasportata dal lobo Islandese. Vediamo in seguito come potrebbe essere il mese di Gennaio 2021!

    Il mese di Febbraio 2021 secondo le proiezioni del modello ECMWF potrebbe risultare più secco rispetto alla norma -https://effis.jrc.ec.europa.eu/

    Gennaio 2021 perturbato, ecco gli scenari plausibili

    Il mese di Gennaio potrebbe essere molto diverso rispetto alle proiezioni stagionali: infatti qualora si palesasse il riscaldamento previsto dalla modellistica in stratosfera (detto stratwarming) si andrebbe incontro ad un mese molto dinamico, con importanti movimenti delle onde planetarie sul vecchio continente. A totale disattesa, si aspettava un importante ricompattamento del Vortice Polare nella sua sede, nelle prime proiezioni stagionali, grazie ad un eccessivo indice ENSO negativo. Questo stratwarming se dovesse manifestarsi e propagarsi anche a livello troposferico, potrebbe mantenere un Vortice Polare molto disturbato e mantenere di conseguenza gli indici teleconnettivi legati all’Artico altrettanto negativi. Le perturbazioni invernali nel primo mese del 2021 potrebbero piombare in Europa e apportare freddo e neve a più ripetizioni in questo periodo. Nonostante ciò sembra inevitabile un seguito più mite, in particolar modo nel mese di Febbraio. Analizziamo le possibilità future!

     

  • Proseguo dell’Inverno in sordina, ecco le cause

    Come anticipato nel precedente paragrafo l’inverno potrebbe concludersi sottotono. Sebbene questo tipo di tendenze abbiano ben poca affidabilità, è importante valutare tutte le ipotesi in gioco. Al momento tra la fine di Gennaio e l’inizio di Febbraio, si ipotizza un ritorno della zonalità sull’Europa, con un flusso atlantico molto elevato latitudinalmente e mitezza protratta. Questa ipotesi potrebbe dare adito ad un mese di Febbraio con un sopramedia termico e scarse precipitazioni non solo sull’Italia ma anche sull’intero continente. Questa è la linea di pensiero del modello Europeo che non darebbe adito ad una fine di Inverno degno del suo nome. Non perdetevi dunque tutte le nostre prossime proiezioni stagionali sul nostro sito internet!

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Festività dal sapore invernale sull’Italia, seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Gabriele Serafini

Tecnico Meteorologo certificato secondo lo schema WMO ed iscritto all'Associazione Meteo Professionisti (AMPRO); fondatore di Meteo Lazio nel 2014, realtà che vanta una rete di stazioni meteo private. Fornisce dati meteo e bollettini per svariate sedi di Protezione Civile nel Lazio.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia