Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 22 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO INVERNO – Arrivano CONFERME, caldo anomalo dal NORD AFRICA e +20°C: tutte le ZONE a rischio

METEO INVERNO - Arrivano CONFERME, caldo anomalo dal NORD AFRICA e +20°C: le possibilità aumentano giorno dopo giorno

METEO INVERNO - Arrivano CONFERME, caldo anomalo dal NORD AFRICA e +20°C: tutte le ZONE a rischio
METEO INVERNO - Arrivano CONFERME, caldo anomalo dal NORD AFRICA e +20°C: tutte le ZONE a rischio
1 di 4
  • Caldo anomalo sull’Italia, ulteriore aumento di temperature nel lungo termine

    Come vi abbiamo riportato anche nell’editoriale di ieri pomeriggio, nelle ultime ore si sta facendo spazio tra le varie ipotesi quella di una nuova e importante rimonta anticiclonica verso l’inizio del mese di febbraio. Anche nell’emissione di questa mattina infatti, il modello americano Gfs propone uno scenario che di invernale ha davvero ben poco: aria calda in risalita direttamente dal Nord Africa potrebbe infatti investire il nostro Paese portando verso l’alto le temperature, ulteriormente al di sopra della media stagionale rispetto a quanto già avvenuto in queste settimane. Se venisse confermato quanto proposto oggi per il periodo 1-4 febbraio, infatti, si potrebbero toccare valori di temperatura al suolo prossimi ai +20°C lungo tutta la fascia costiera orientale della Sardegna, oltre i +18°C/+19°C sulla Puglia garganica e i settori ad Est della Sicilia. Valori sbalorditivi che arriverebbero all’indomani dei giorni della merla, teoricamente i più freddi dell’anno per quanto riguarda il continente europeo.

    Brutte novità per gli amanti di freddo e neve

    Insomma, per chi ama il freddo e la neve non ci sono buone novità all’orizzonte. Il vortice polare continuerà ad essere estremamente reattivo con  una corrente a getto sempre ben disposta lungo i paralleli delle alte latitudini europee. Al momento quindi non sono attese novità significative ed anzi, le temperature potrebbero salire ulteriormente rispetto a queste settimane. Una breve parentesi instabile è attesa invece in questo week-end, quando la neve tenderà a riaffacciarsi sui rilievi alpini e appenninici a quote medio-basse. Si tratta comunque di una debole pulsazione atlantica che rientra nella casistica di un Jet Stream estremamente vispo come in questo periodo.

    Prossimi aggiornamenti decisivi, ma i modelli hanno già inquadrato l’ondata di calore

    Per questa ondata di ”caldo fuori stagione” sarà quindi necessario rifarsi ai prossimi aggiornamenti dei principali centri di calcolo, ma quel che va sottolineato è che la predicibilità di figure anticicloniche è molto più semplice rispetto ad un’ondata di gelo nel periodo invernale. Questo significa che i modelli matematici hanno minore difficoltà ad inquadrare un campo anticiclonico come quello previsto nel lungo termine e che quindi si tratta di un’ipotesi che in questo momento non è nemmeno poi tanto remota.

  • Caldo fuori stagione, i valori possibili sul resto della Penisola

    Nella pagina precedente vi abbiamo elencato le temperature più elevate che si potrebbero raggiungere nel nostro Paese qualora si verificasse la rimonta anticiclonica dal Nord Africa. Su altre città d’Italia, nonostante sarà difficile raggiungere i +20°C, non è possibile escludere temperature massime al di sopra dei +16°C/+17°C. In particolar modo nelle aree di Roma, Ancona, Pescara, Napoli, Bari e Firenze. Si tratterebbe di una vera e propria goccia che andrebbe a far traboccare il vaso, con uno degli inverni più caldi degli ultimi 30 anni.

  • Come detto dunque, dal VPS non arrivano segnali incoraggianti: i venti zonali ad alta quota continuano a soffiare intensamente con nessuna possibilità di rottura almeno nel breve-medio periodo. Sarà lecito attendersi un fisiologico rallentamento a fronte dei canonici warming in arrivo dalla troposfera nel periodo finale dell’inverno.

  • Per tutti i dettagli non perdetevi i prossimi aggiornamenti sul nostro sito web!

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: