Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Aumenta L’AFA sull’ITALIA, ma SCOPPIANO i primi TEMPORALI e GRANDINATE: zone colpite

PREVISIONI METEO – L'anticiclone di matrice sempre più africana rimonta sul nostro Paese dando luogo a condizioni meteorologiche sempre più calde e afose, ma intanto avanzano le correnti instabili verso il settentrione con i primi temporali    

METEO -ANTICICLONE di nuovo sotto attacco, l'Atlantico potrebbe riportare le piogge sull'Italia; ecco quando
Forte maltempo in arrivo sul nord Italia nei prossimi giorni
1 di 3
  • METEO : anticiclone in ulteriore rinforzo sull’Italia con temperature in graduale aumento, stamane più caldo ovunque

    Buongiorno e bentrovati a tutti i lettori del Centro Meteo Italiano. Il mese di luglio sta proseguendo all’insegna dell’alternanza fra momenti di clima tendenzialmente più fresco e instabile con periodi invece caratterizzati da temperature in media o poco al di sopra rispetto ai valori di riferimento. L’inizio di questa settimana sta vedendo una robusta ripresa dell’anticiclone afroazzorriano che sta letteralmente controllando lo scenario sinottico del Mediterraneo, favorendo così condizioni di tempo generalmente stabile e soleggiato anche sul nostro Paese. Maltempo in vista però già dai prossimi giorni per un nuovo abbassamento della corrente a getto, con l’aria atlantica pronta  a irrompere nuovamente al Centro-Nord. Andiamo a vedere però tutto nei minimi dettagli, a partire dalle previsioni per le giornate di oggi e domani fino ad arrivare (nella seconda pagina dell’editoriale) a quanto ci attende invece nel week end con un rapido sguardo anche alla fine del mese di luglio con i modelli matematici che sembrano esser più propensi al ritorno della stabilità rispetto ad un definitivo consolidamento dell’instabilità.

    METEO OGGI martedì 21 luglio 2020, primi temporali in formazione al settentrione, ma anche afa in aumento

    La giornata odierna sarà caratterizzata dunque da condizioni meteorologiche sostanzialmente stabili e asciutte su quasi tutto il territorio italiano. La rimonta dell’esteso campo anticiclonico ha permesso infatti l’instaurarsi del clima tipico dell’estate mediterranea, con afa in aumento e temperature localmente al di sopra dei 35 gradi. Anche questa mattina l’animazione satellitare riferita agli ultimi minuti mostra cieli in prevalenza sereni su praticamente tutta Italia. Nel corso delle ore pomeridiane e serali tuttavia sono attesi i primi fenomeni in sviluppo lungo l’arco alpino, specie quello centro-orientale con possibilità di temporali sparsi o acquazzoni anche di forte intensità. I fenomeni tenderanno comunque ad esaurirsi entro la serata e la nottata con un temporaneo ritorno alla stabilità. Le temperature sono attese in ulteriore rialzo, sia nei valori minimi che nei valori massimi. La ventilazione debole con la prevalenza del regime locale delle brezze.

    METEO DOMANI mercoledì 22 luglio 2020,  intenso peggioramento in arrivo su Alpi e Prealpi, possibili fenomeni anche sulle pianure

    Quella di domani sarà una giornata che vedrà il definitivo ritorno del maltempo sui rilievi alpini e prealpini del nostro paese. Il nuovo abbassamento delle correnti nord atlantiche favorirà la formazione di attività temporalesca anche molto intensa a partire dalle prime ore del mattino sui rilievi che confinano tra Lombardia e Piemonte. Nelle ore successive le precipitazioni tenderanno ad avere origine anche shhh settori alpini centro-orientali coinvolgendo così le regioni di Trentino Alto-Adige, Veneto e Friuli. Attenzione alla possibilità che qualche improvviso temporale possa avere origine anche sulle aree di pianura delle suddette regioni, non è escluso infatti il coinvolgimento di città come Milano, Bergamo, Verona, Padova, Vicenza, Udine e Treviso. Primo calo delle temperature atteso all’estremo Nord, sul resto della Penisola prosegue invece il rialzo costante con tempo stabile ovunque.

  • METEO a lungo termine, passo indietro dei modelli: ridotta l’entità del peggioramento atteso nel fine settimana. Fine luglio più stabile?

    Per quanto riguarda invece la situazione sinottica attesa nel medio-lungo periodo, questa mattina i modelli Ukmo e Gfs confermano il passaggio di un cavo d’onda dall’Atlantico entro il fine settimana ma con un’entità certamente più modesta rispetto a quanto mostrato fino qualche giorno fa. Sia il centro europeo che quello americano propongono infatti un passaggio molto veloce sulle regioni centro-settentrionali, limitandosi a confermare un generale calo delle temperature ma con annessa e successiva rimonta dell’anticiclone. Lo stesso era stato anticipato ieri sera dal modello Ecmwf, il quale aveva smorzato più nitidamente l’affondo, riducendolo ad un blando passaggio instabile presto accompagnato dalla rimonta calda e stabile. La prossima settimana sembrerebbe infatti poter essere nuovamente caratterizzata dal ritorno della prevalente stabilità su praticamente tutto il nostro paese. Ma di questo ne parleremo in modo più approfondito nell’editoriale delle ore 9:30.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo, come sempre, di seguire il nostro canale Youtube: all’interno disponibili video sempre aggiornati e ben curati graficamente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: