Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 27 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ITALIA contesa tra il FREDDO ARTICO e l’ANTICICLONE per i giorni della merla, tutti i dettagli

METEO - L'ITALIA sarà nel limbo meteorologico, tra la cupola anticiclonica e il FREDDO ARTICO dai quadranti orientali, vediamo la tendenza per i giorni della merla che per tradizione sono ritenuti i giorni più freddi dell'anno

Brinata, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Cronaca di un inverno fin qui anonimo

    L’attuale stagione invernale sta trascorrendo sulla nostra Penisola così come in gran parte d’Europa senza colpo ferire. Da quando infatti ha avuto inizio l’inverno grazie al solstizio di inverno avvenuto il 22 dicembre alle ore 5.19 italiane, non si è verificato neanche un episodio di neve in pianura in tutta Italia. L’Anticiclone è stata la figura dominante dall’inizio di gennaio a questa parte, con il rapido passaggio di perturbazioni che hanno bene o male interessato, senza troppi eccessi, tutte le zone della nostra Penisola. Siamo ora alle porte dei giorni cosiddetti della merla che, per tradizione popolare, sono considerati i giorni più freddi dell’anno. Come sarà dunque la tendenza per questi giorni? Partiamo prima dalla sinottica europea attuale.

    Sinottica europea attuale

    La configurazione e la distribuzione delle figure bariche all’interno del panorama europeo appare piuttosto chiaro: un promontorio anticiclonico di matrice azzorriana si estende dalle Isole delle Azzorre fino ad interessare la sola Penisola iberica e risulta “schiacciato” da una vasta saccatura di origine nordatlantica di diretta provenienza groenlandese che sta interessando in queste ore l’Italia attraverso le piogge. Nei prossimi giorni la saccatura tenderà a spostarsi verso oriente, il che lascerebbe libero il campo all’Anticiclone di risalire, ma andrà veramente così?

    Tentativo di risalita respinto da un nuovo abbassamento della corrente a getto

    Corrente a getto in abbassamento sull’Italia, respingerà le miti correnti anticicloniche.

    Il tentativo di risalita da parte dell’Anticiclone a partire da domani lunedì 27 gennaio sarà respinto ancora una volta da un nuovo abbassamento della corrente a getto, con un flusso perturbato in ingresso sul nostro Paese. Ciò causerà a partire dalla serata stessa di domani una nuova ondata di maltempo che interesserà soprattutto il centro-nord Italia e sul quale argomento abbiamo maggiormente approfondito all’interno di un editoriale apposito. Ma il flusso perturbato in questione è anch’esso destinato a traslare verso oriente, facendosi però carico di una maggiore portata di freddo di matrice artico marittima.

  • Italia dunque a metà tra le correnti più fredde di origine artica ad est e l’Anticiclone a ovest

    La nostra Penisola sarà dunque nel limbo e chiusa nella morsa tra due figure bariche contrastanti l’un con l’altra: a occidente sarà infatti presente una cupola anticiclonica che continuerà a rivestire interamente la Spagna e il Portogallo, e ad oriente l’aria artico marittima investirà parte della penisola balcanica, apportando freddo e neve a bassa quota. L’Italia in tutto ciò per i giorni della merla vedrà condizioni di tempo tendenzialmente asciutto, con qualche nota di maltempo sparsa e occasionale, con il fenomeno dell’inversione termica dominante e dunque clima comunque piuttosto invernale.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: