Venerdì 16 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA: deboli piogge in settimana, freddo e neve a seguire

Condizioni meteo localmente instabili con deboli piogge specie lungo il Tirreno - fonte: 06blog.it
Condizioni meteo localmente instabili con deboli piogge specie lungo il Tirreno - fonte: 06blog.it
1 di 3
  • Condizioni meteo localmente instabili con deboli pioviggini, entro metà mese possibile irruzione fredda con neve sull’Italia.

    Condizioni meteo localmente instabili con deboli piogge specie lungo il Tirreno - fonte: 06blog.it

    Condizioni meteo localmente instabili con deboli piogge specie lungo il Tirreno – fonte: 06blog.it

    Deboli piogge sull’Italia specie al Centro-Sud

    L’anticiclone posizionato sulla Penisola Iberica, con massimi al suolo fino a 1025 hPa, non riesce a proteggere l’Italia che viene interessata dal passaggio di una debole perturbazione atlantica. La prima settimana di dicembre inizia così con molte nuvole e condizioni meteo localmente instabili, specie al Centro-Sud. Deboli piogge intermittenti interesseranno nelle prossime ore le regioni tirreniche centro-meridionali come Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Calabria. Residui fenomeni possibili fino in serata e nottata poi solo sulle regioni meridionali. Nella giornata di domani ancora piogge e locali acquazzoni su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia settentrionale.

    Altre perturbazioni in transito fino al weekend dell’Immacolata

    Sarà la giornata di Mercoledì 5 dicembre a vedere tempo più asciutto sulla maggior parte dell’Italia grazie all’espansione del promontorio di alta pressione. A seguire nuovi impulsi instabili in arrivo dai quadranti nord-occidentali con i massimi dell’anticiclone nuovamente spostati tra Atlantico e Penisola Iberica. Come possiamo vedere nella sezione dedicata al modello GFS, l’americano mostra da diversi giorni un passaggio più intenso nella giornata di Giovedì 6 dicembre. Condizioni meteo instabili o perturbate con piogge e acquazzoni sparsi al Centro-Sud, localmente intensi, uniti ad un momentaneo calo delle temperature specie lungo l’Adriatico. Nella prima metà della settimana infatti le temperature si porteranno sopra le medie del periodo anche di 4-5 gradi specialmente al Centro-Nord. L’aumento sarà più sensibile in montagna ed in particolare nei valori massimi. Nel weekend dell’Immacolata un nuovo peggioramento meteo sempre da nord-ovest potrebbe portare piogge, temporali e anche un po’ di neve in montagna visto il calo delle temperature associato su valori comunque prossimi o ancora poco sopra le medie del periodo.

  • Freddo e neve per la seconda settimana di dicembre?

    Vortice polare più compatto all’inizio di questo dicembre 2018. Questo porta un flusso zonale non troppo alto sull’Europa con l’alternanza sul Mediterraneo centrale di anticicloni e perturbazioni atlantiche. Le ultime uscite dei modelli mostrano però da diversi giorni un netto cambio di circolazione per la seconda decade del mese. La tendenza è per un rallentamento del vortice polare con la risalita verso nord degli anticicloni. Sia il modello GFS che l’europeo ECMWF mostrano da diversi giorni un’evoluzione di questo tipo con l’alta pressione pronta a puntare verso il nord Atlantico e in qualche caso anche più su. Guardando anche gli spaghi del modello GFS possiamo dunque notare un calo generalizzato delle temperature proprio dalla prossima settimana. Le condizioni meteo potrebbero farsi decisamente invernali anche sull’Italia con freddo e neve a bassa quota, anche se per adesso è impossibile spingersi in ulteriori dettagli. Trattandosi infatti solo di una tendenza meteo sul lungo termine vi invitiamo a seguire sempre tutti prossimi aggiornamenti per l’evoluzione di dicembre.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.